Paulo Fonseca

NOTIZIE AS ROMA FONSECA – La Roma fa grande fatica a segnare – un gol nelle ultime tre sconfitte consecutive – ma Paulo Fonseca ha deciso di giocare in difesa. Di se stesso. Alla vigilia della gara contro il Parma, da vincere per non precipitare nella crisi più profonda, il portoghese è tornato su due temi tipici per spiegare 8 sconfitte in 13 partite di campionato nel 2020 (4 vittorie e il pareggio nel derby).

Primo: serve tempo per costruire un progetto. Secondo: la pressione si sente più qui che altrove. La Roma attuale ha una media punti inferiore a quella che costò il posto a Di Francesco, ma Fonseca non ci sta: «Non posso fare paragoni con le altre stagioni, io conosco solo quest’anno. La Roma ha cambiato tanto e fatto tante cose buone, la mia preoccupazione è tornare a farle vedere. Non dimentichiamoci che siamo all’inizio di un progetto. Conosco molti allenatori che ora vincono campionati importanti in Europa e all’inizio non hanno vinto niente. Mi dà fastidio leggere i nomi di altri tecnici? No».

Il clima intorno alla squadra, però, è plumbeo: «Qua le sconfitte sono molto pesanti e la squadra fa fatica a recuperare. Stiamo lavorando per cambiare questa mentalità. Devo far capire che una sconfitta è solo una sconfitta. Dobbiamo analizzarla, ma non può influenzarci così tanto. Contro il Napoli abbiamo dato segnali di recupero e contro il Parma faremo ancora meglio rispetto alla scorsa partita. Come ho sempre detto, non c’è un problema fisico. Zaniolo? Aveva 30 minuti ma li ha fatti bene». Stasera Nicolò partirà in panchina ma giocherà un altro spezzone per recuperare la forma.

Il portoghese non rischia l’esonero perché ha contratto fino al 2021, Pallotta vuole cedere e i conti sono in profondo rosso. Però non può permettersi di continuare a collezionare sconfitte. Il presidente lo ha difeso, come era logico, ma i risultati sono l’unico giudice. Intanto Pallotta ha ricevuto il nulla osta della sindaca Raggi sulla due diligence riguardo la documentazione inerente la realizzazione dello stadio di Tor di Valle.

Un passo necessario per l’inchiesta che aveva investito Parnasi. I risultati sono stati illustrati durante una riunione in videoconferenza della maggioranza M5s in Campidoglio. Un piccolo passo avanti ma manca ancora il via libero politico: ci vorranno ancora alcuni giorni prima che l’amministrazione Raggi chiuda definitivamente la pratica. E il tempo è importante per una società in vendita, come la Roma.

(Corriere della Sera)

© RIPRODUZIONE RISERVATA