Prospettiva Europa, da Sarri a Conte: il futuro è a San Siro

Maurizio Sarri

L’impressione è che Franco Baldini dovrà stare attento alla linea, perché, stando alla vulgata romana, le recenti cene che è costretto ad organizzare per parlare coi possibili allenatori della Roma – da Sarri a Conte – potrebbero lasciare il segno sulla bilancia, visto gli eccellenti ristoranti in cui si svolgono. Tra l’altro, un collega londinese con ottimo “sense of humor” ci fa presente che di sicuro avrà diviso il desco più spesso con Pochettino (del Tottenham), anche se al momento non viene avvicinato al club giallorosso, ma non disperiamo che possa accadere.

La dirigenza giallorossa si tiene aperta tutte le porte parlando con tutti i candidati, quelli nominati, più Giampaolo e Gasperini, così come tornerebbero di attualità Jardim e Fonseca, se Campos dicesse sì a Pallotta. E a proposito di d.s., è ovvio che anche la candidatura di Petrachi resti forte, pur se c’è da sottolineare che il presidente del Torino, Urbano Cairo, ha tutta la volontà di confermarlo (e c’è un contratto in essere). Una cosa è certa: da Trigoria filtra il messaggio che è finita l’era dei plenipotenziari alla Sabatini o Monchi, così come non si cerca un allenatore che faccia l’onnipotente Ferguson dei tempi d’oro dello United. Il mantra che si ripete è: gioco di squadra e progetto condiviso. Con un piano A e un piano B, che significa con o senza qualificazione in Champions.

(Gazzetta dello Sport)

APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER APPLE
APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID

© RIPRODUZIONE RISERVATA