Tiago Pinto

CALCIOMERCATO AS ROMA PINTO – C’è chi, sui social, l’ha immortalato tipo Santo: senza mischiare sacro e profano è innegabile che, almeno ieri, Tiago Pinto sia stato l’uomo del giorno in casa Roma. Prima della partita, chiaramente, perché è logico che aver ceduto a titolo definitivo Diawara, Kluivert e Calafiori in sole 24 ore è da ritenersi un successo.

Come riferisce La Gazzetta dello Sport soltanto di ingaggi, infatti, tra Belgio, Inghilterra e Svizzera la Roma ha messo sull’aereo oltre sei milioni di euro, a cui se ne sommano altri 13 di cartellini. Venti milioni scarsi, in sintesi, volatilizzati per tre ragazzi che non facevano più parte, da tempo, del progetto tecnico. E a cui la Roma augura le migliori fortune perché, insieme, non arrivano neppure a 23 anni di media.

Ovviamente l’auspicio non è solo di natura affettiva, ma anche economica, considerando che nei casi di Diawara e Calafiori il club ha mantenuto una percentuale sulla futura rivendita. Una clausola che Pinto è solito tenere in tante operazioni: la considera un’assicurazione sul futuro e, anche, un modo per far vedere ai club acquirenti che la Roma non vuole svendere i propri calciatori, ma vuole venderli a squadre che abbiano un progetto.

Questo a parole, poi ci sono i fatti, anzi i numeri, quelli della giornata di ieri e quelli di un anno che, a partire dai riscatti sicuri di Under e Pau Lopez, hanno portato nelle casse dei Friedkin sessanta milioni di euro. Nel dettaglio: dal portiere a Diawara, passando per Veretout, Felix, Ünder, Kluivert, Carles Perez, Florenzi e Calafiori, la Roma, tra lo scorso gennaio (ma i soldi sono entrati in cassa ora) e questa estate ha messo via 60 milioni di euro.

Da ieri, poi, Calafiori è andato al Basilea a titolo definitivo per un milione e mezzo (contratto in scadenza tra un anno) più il 40% della futura rivendita. Diawara, 2.2 milioni netti di ingaggio, ha salutato direzione Anderlecht: va via a titolo definitivo per 3 milioni più il 50% della futura rivendita. Nel caso dei due ragazzi, quindi, di vent’anni (Riccardo) e venticinque (Amadou), é come se la Roma mantenesse la metà del cartellino.

Kluivert, invece, va al Fulham: prestito con obbligo di riscatto a 9 milioni e mezzo più bonus, oltre al 20% della futura rivendita. L’obbligo è una formalità, in sostanza anche l’olandese saluta per sempre perché gli inglesi dovranno acquistarlo dopo la prima partita. Un dettaglio non da poco, considerando che Kluivert voleva trasferirsi a Londra da settimane, ma il Fulham non andava oltre il prestito con diritto. La Roma ha tenuto duro e oggi aggiunge, al tesoretto cessioni, 9 milioni. Da reinvestire? Per ora no. L’obiettivo è cedere anche Coric, Bianda e Riccardi (Latina), ma se ci fosse un’occasione si cercherebbe un difensore centrale.



FOTO: Credit by Depositphotos.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LEGGI TUTTOCALCIOWEB.INFO

🚨SEGUICI IN DIRETTA🚨