Dopo la sconfitta inflitta dal Porto lo scorso martedì in Champions League, la Roma torna in campo contro il Cagliari in terra Sarda. La squadra di Spalletti è dunque subito chiamata a risorgere dalle ceneri e a spegnere i primi mormorii e malumori venuti a galla dalla sfida europea. La squadra allenata da Rastelli, almeno sulla carta, non si presenta come un avversario difficile per la Roma, specie per i traguardi che gli stessi giallorossi si sono preposti all’inizio della preparazione estiva. Tuttavia l’avversario non va sottovalutato neanche per un secondo; si rischierebbe infatti un errore madornale che la Roma non può e non deve commettere.

I PRECEDENTI
Nelle ultime 3 gare disputate, la Roma ha collezionato 3 vittorie mettendo a segno 7 gol e subendone appena 2. Stesso discorso vale anche per le vittorie in trasferta che ha visto la Roma uscire vittoriosa in tutte e 3 le occasioni, includendo nel bottino anche lo 0-3 a tavolino a favore dei capitolini. Tornando ancora indietro nel tempo però, si nota come il campo del Cagliari sia stato davvero ostico per i giallorossi che infatti persero 7 degli 11 incontri disputati, pareggiandone 4. La giusta concentrazione sarà dunque importantissima per permettere alla Roma di prendersi i 3 punti in palio e continuare così la proprio striscia positiva.

OBIETTIVI DIVERSI
Gli obiettivi che le squadre si sono preposte all’inizio dei giochi sono ovviamente ben diversi. Mentre la Roma gioca per il titolo o perlomeno per un biglietto di accesso in Champions League, il Cagliari lotterà prevalentemente per la salvezza. Nonostante la società sarda sia abituata al palcoscenico del calcio italiano che conta, è ancora presto per dire se sarà in grado di centrare la salvezza, specie dopo l’esordio amaro a Genova che l’ha vista uscire sconfitta per 3-1.

EX PER ECCELLENZA
Uno dei giocatori che più sentiranno il match in programma per domenica 29 agosto è senza dubbio Marco Borriello. L’ex centravanti della Roma darà molto filo da torcere alla retroguardia giallorossa che, già contro il Porto, ha dimostrato di essere “fragile”, tanto per usare un eufemismo. Se però per entrambe le sfide europee l’attenuante è stata l’inferiorità numerica, per questa sfida non esisterà scusa valida per giustificare le carenze difensive del reparto difensivo giallorosso. L’attaccante ha già dimostrato di vedere la porta, specie se si tratta di quella difesa dalla Roma. Contro i giallorossi infatti, è già andato in rete indossando la maglia del Carpi prima e dell’Atalanta poi, facendo sorgere diverse preoccupazioni a Spalletti, risolte poi da Francesco Totti nei minuti finali. Non commettere errori sarà fondamentale, sperando che Palmieri, De Rossi e tutti gli altri se ne ricordino in tempo per non surriscaldare un ambiente già bollente, specie considerado che siamo ancora alla seconda giornata di campionato.

ROMA, ORA O MAI PIU’
Dopo lo scivolone in casa col Porto, la Roma è chiamata a proseguire il cammino in campionato e dovrà farlo in un unico modo: vincere. Non esistono infatti altri risultati utili alla Roma nella sfida di domenica. L’avversario non dovrà mai essere sottovalutato perché sono proprio questi tipi di avversari che spesso causano problemi alla Roma. Inoltre dobbiamo ricordare che è in casa che le squadre che lottano per la salvezza cercano di fare il massimo e dovrà essere questo un motivo in più per fare attenzione. La Roma dovrà essere brava a mettere da parte tutto ciò che è successo nel ritorno del preliminare per riprendersi una piazza profondamente delusa dal cammino europeo della squadra e non solo per l’ultima uscita con il Porto. Il tecnico dovrà dunque scegliere i giocatori più pronti sia dal punto di vista fisico che psicologico per provare a ridare da subito serenità ad una tifoseria che è stanca di attendere.

PROBABILI FORMAZIONI

Cagliari (3-5-2): Storari; Ceppitelli, Capuano, Bruno Alves; Isla, Padoin, Di Gennaro, Ionita, Murru; Sau, Borriello. All.: Rastelli
Squalificati:
Indisponibili: Farias, Joao Pedro, Dessena, Melchiorri

Roma (4-2-3-1): Szczesny; Bruno Peres, Fazio, Vermaelen, Emerson; De Rossi, Strootman; Salah, Nainggolan, El Shaarawy; Perotti. All.: Spalletti
Squalificati:
Indisponibili: Mario Rui, Rudiger, Torosidis, Juan Jesus, Totti

Roberto Fabrizi

© RIPRODUZIONE RISERVATA