Ranieri: “Non siamo stati squadra, abbiamo perso tutti i duelli”

132
Claudio Ranieri

NOTIZIE AS ROMA RANIERI – Claudio Ranieri, allenatore della Roma, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai media dopo la sconfitta per 2-1 contro la Spal. Queste le sue parole:

RANIERI A SKY

Difficile vincere se si perdono tutti i duelli individuali.
Abbiamo giocato contro una squadra e noi non siamo stati squadra. Abbiamo messo buona volontà, ma senza organizzazione non va bene. Abbiamo perso tutti i duelli, ma se la palla andava a terra vincevano tutti i contrasti e non va bene. Si vedeva che la Spal era disperata, nel secondo tempo stavano vincendo e hanno perso tanto tempo, giustamente perché mi metto nei loro panni.

Ma perché si perdono tutti i duelli? Poca fiducia?
Un po’ tutto. Ci sono alcuni giocatori che non ce l’hanno nelle corde, altri che non hanno fiducia e non riescono a essere determinati. Loro lo erano di più.

Problema nella testa quindi?
E’ uno dei problemi, poi dobbiamo essere più squadra e dobbiamo anche migliorare sotto l’aspetto fisico, perché corriamo ma corriamo male e questo non va bene.

Anche in avanti avete sbagliato il tempo della giocata, come nel primo tempo Schick.
E’ vero, Dzeko aveva fatto un gran movimento e andava servito sul destro. Schick non so cosa ha pensato, magari a liberare El Shaarawy ma lì la palla era giusta per Dzeko.

Dovreste interpretare meglio la partita, invece state in attesa dietro la linea della palla.
E’ vero, ma bisogna avere la forza per pressare. Se non ce l’hai meglio che stai compatto e cerchi di fare del tuo meglio.

Sul mancato rosso a Cionek e il rigore su Petagna.
Voi state lì e giudicate, noi in panchina non possiamo vedere tutto bene. Bisogna cercare di fare meno polemiche e aiutare gli arbitri, se c’è qualcosa che non è andato lo vedranno anche gli uomini della Var. Anche gli uomini della Var devono fare la loro esperienza, io sono positivo sulla Var. Sono positivo e gli arbitri possono sbagliare, quindi ci sta che la Var possa aiutarli a prendere la giusta decisione.

I tuoi giocatori capiscono che si stanno giocando la Roma? Secondo me molti sono sul giro d’aria per rimanere a Roma la prossima stagione.
E’ quello che gli ho detto. Se la Roma va in Champions League c’è un programma, se non si va in Champions League si cambia aria in parecchi. Perciò devono dimostrare di essere da Roma, gliel’ho detto dal primo giorno, di meritarsi quello che guadagnano. Abbiamo perso contro una squadra che guadagna meno, che è più umile, è più determinata, ha l’acqua alla gola e lo hanno fatto vedere.

C’è il rischio di una rivoluzione senza Champions?
Non lo so questo, ma certo non essendoci l’introito Champions qualcosa deve cambiare per forza.

RANIERI A ROMA TV

Schick-Dzeko.
Sono d’accordo con Rizzitelli. Sono alti due metri e poi non vinci i duelli. Nel calcio vince chi è più squadra e chi è più motivato. Loro lo sono stati, noi no. Abbiamo messo un impegno singolo, ma non è sufficiente. Loro avevano l’acqua alla gola. Noi non avevamo voglia di vincere. Abbiamo parlato tanto dei cross dagli esterni e poi ci sorprendono così. E’ andata così e dobbiamo reagire in un momento senza molti titolari.

Com’è possibile non avere voglia di vincere?
Loro l’hanno avuto e noi no. Abbiamo sbagliato le diagonali, non si aiutavano l’uno con l’altro. Io lo avevo detto che loro erano più squadra di noi. Non siamo stati umili e quindi ha vinto chi ha meritato di più.

Questa squadra ha la mentalità giusta?
Sono onesto: non posso ancora rispondere perché sono qui da due settimane. Se così non fosse comunque non te lo direi (ride, ndr). Bisogna tirar fuori tutto ora. Soltanto lavorando e restando compatti possiamo risolvere questa situazione. L’ho detto alla squadra. Per poter restare in Champions bisogna lottare tanto e se non ci andiamo c’è un ridimensionamento.

Si aspettava questa prestazione?
Sono rimasto dispiaciuto. Mi aspettavo una battaglia. Quantomeno metterla sul loro piano con la nostra qualità. Se giochiamo sul loro piano dovremmo vincerla, invece non siamo stati alla loro altezza.

Ha visto una squadra spenta nelle gambe?
Certo. Credo che Di Francesco debba aver fatto di necessità virtù. Quando hai tanti infortuni devi modulare e fare piano in allenamento. Vedo una squadra che non può fare quello che vorrei e cerco di aiutarla in un altro modo.

RANIERI IN CONFERENZA STAMPA

Dove l’ha sorpresa di più la Spal?
Ci hanno sorpreso sul campo, ma sapevamo dove era la forza della Spal. Sapevamo che i gol che facevano provenivano spesso dalla fasce laterali, soprattutto da quella destra per gol sulla sinistra. Sapevamo tutto, ma nonostante ciò non siamo stati in grado di fermarli. Pur soffrendo, la Spal è una signora squadra. Ha determinazione. Sono stati squadra e noi no. Siamo stati un gruppo di giocatori che ha provato a fare la differenza singolarmente. Nel calcio se non sei squadra paghi.

Sulla coppia Dzeko-Schick.
Mi aspettavo di più onestamente. Loro hanno chiuso bene. Avevamo pensato di saltare il centrocampo per mettere in difficoltà i centrali ma non ci siamo riusciti. Nel secondo tempo abbiamo giocato di più palla a terra per cercare di entrare perché loro stavano tutti al limite dell’area. Ho provato a dirglielo ma non sono stato ascoltato. Le poche volte che l’abbiamo fatto, l’abbiamo fatto bene.

Condizioni fisiche?
Aspettiamo quando li rivedrò. Credo stiano bene.

Jesus ha sofferto la velocità di Lazzari.
Lui aveva già giocato in quel ruolo, pensavo fosse quello più idoneo.

Oggi la Roma sembrava un gruppo di giocatori senz’anima.
Non siamo stati squadra. Abbiamo giocato contro una squadra inferiore, ma non l’abbiamo dimostrato. Loro hanno giocato di squadra, hanno vinto tutti i duelli. Ai miei posso dire che si sono impegnati, ma come singoli, non come squadra.

APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER APPLE
APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID

© RIPRODUZIONE RISERVATA