Connect with us


Europa League

L’Eintracht Francoforte vince l’Europa League ai calci di rigore: decisivo l’errore di Ramsey

Published

on

ULTIME NOTIZIE EUROPA LEAGUE EINTRACHT FRANCOFORTE – L’Eintracht Francoforte vince l’Europa League, nella finale di Siviglia contro i Rangers Glasgow di van Bronkhorst. Dopo l’1-1 dei 120 minuti, i tedeschi hanno la meglio ai rigori senza mai sbagliare dagli undici metri e il prossimo anno giocheranno quindi in Champions League. Poche emozioni nel primo tempo, poi nella ripresa il match si stappa nella parte centrale.

In vantaggio vanno i Rangers con Aribo al 57′, poi dopo pochi minuti pareggia i conti Santos Borre al 69′, su assist di Kostic. Nei supplementari ci sono diverse occasioni, la più importante è per gli scozzesi proprio nel finale, ma Trapp è bravissimo a chiudere la porta. Ai rigori decisivo l’unico errore della serie, quello di Aaron Ramsey – ancora di proprietà della Juventus – al quarto tiro della serie. Poi il gol finale di Santos Borre.

FOTO: Credit by Depositphotos.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SCARICA L'APP DI ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID

Dirette AS Roma

LIVE Siviglia-Roma: segui gli aggiornamenti della finalissima in tempo reale

Published

on

DIRETTA SIVIGLIA-ROMA EUROPA LEAGUE – La giornata tanto attesa da tutti i romanisti è finalmente arrivata. I giallorossi scendono in campo a Budapest per scrivere la storia. La Roma alle ore 21 affronterà il Siviglia per la finalissima di Europa League. Dietro solita difesa a tre composta da Mancini, Smalling e Ibanez davanti a Rui Patricio. José ha recuperato tutti per la gara di questa sera, a disposizione anche Karsdorp. Unico indisponibile Kumbulla che ha deciso comunque di partire con la squadra. C’è anche Paulo Dybala che scalpita per una maglia da titolare.

SIVIGLIA-ROMA: IL TABELLINO

SIVIGLIA (4-2-3-1): Bono; Navas, Gudelj, Marcao, Telles; Fernando, Rakitic; Suso, Oliver Torres, Ocampos; En-Nesyri.  Adisposizione: Dmitrovic, Flores, Montiel, Rekik, Badé, Jordan, Mir, Nianzou, Lamela, Papu Gomez, Gil, Bruno. Allenatore: Mendilibar.

ROMA (3-4-2-1): Rui Patricio; Mancini, Smalling, Llorente; Celik, Cristante, Matic, Spinazzola; Pellegrini, Dybala; Abraham. A disposizione: Svilar, Boer, Karsdorp, Ibanez, Tahirovic, Zalewski, Bove, Wijnaldum, Camara, Volpato, El Shaarawy, Belotti. Allenatore: Mourinho.

ARBITRO: Taylor. 
ASSISTENTI: Beswick-Nunn. 
IV UOMO: Oliver. 
VAR: Atwell. AVAR: Kavanagh-Dankert.

FOTO: Credit by Depositphotos.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SCARICA L'APP DI ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID
Continue Reading

Europa League

Siviglia-Roma, Dybala verso una maglia da titolare: la Joya parte dal primo minuto

Published

on

AS ROMA NEWS EUROPA LEAGUE DYBALA – Paulo Dybala giocherà dal primo minuto contro il Siviglia. Secondo quanto riferito da Sky Sport, la Joya ha effettuato un provino in queste ore e le condizioni della sua caviglia sinistra sono in netto miglioramento.

Mourinho lo ha tenuto nascosto in questo ultimo mese e ha deciso di preservarlo per la finalissima di questa sera. Aveva fatto la stessa cosa con Pogba nel 2017 in occasione della finale di Europa League contro l’Ajax.

Il numero 21 è in forma e può giocare 90 minuti, non 20-30 come aveva dichiarato il mister ieri in conferenza stampa. In queste settimane si è allenato anche nei giorni di riposo e tornerà titolare dopo un mese e mezzo.

FOTO: Credit by Depositphotos.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SCARICA L'APP DI ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID
Continue Reading

Avversario

Siviglia, Lamela: “Sono legato alla Roma, due anni bellissimi. Mourinho è speciale”

Published

on

AS ROMA NEWS SIVIGLIA LAMELA – Erik Lamela, attaccante del Siviglia ed ex Roma, ha rilasciato un’intervista ad AS parlando della finale di Europa League contro i giallorossi. Queste le sue dichiarazioni:

Un gol contro la Juventus per raggiungere la finale, un gran gol contro l’Elche, un gol sfiorato contro il Real Madrid… arrivi a questa finale nel momento migliore?
“Sì, si può dire che è uno dei miei momenti migliori. Ci arrivo bene, sono fiducioso e ho in mente quello che hanno tutti i tifosi del Siviglia: fare una grande finale e provare a conquistare il titolo”.

Che sensazioni hai provato dopo il gol alla Juventus?
“In quel gol c’era tutto: è stata una partita che ci ha portato alla sfida più bella. Mi è venuto in mente di festeggiarlo così perché tutti abbiamo sofferto molto quest’anno, anche le nostre famiglie. Ho tirato fuori tutto quello che avevo dentro, con euforia”.

Com’è avvenuta questa metamorfosi del Siviglia?
“Ho sempre saputo che questa squadra avesse qualità. Non lo stavamo dimostrando, ma ce l’abbiamo fatta nel tratto finale. Eravamo una grande squadra che non stava facendo bene e lo sapevamo. Dobbiamo approfittare del fatto che abbiamo raggiunto questo livello nel momento chiave”.

Mendilibar ha qualcosa di magico?
“Mendilibar ci ha dato molto. Abbiamo iniziato a ottenere risultati, i calciatori sono cresciuti tutti individualmente e questo si è notato nel collettivo. Il mister sta facendo un ottimo lavoro e l’importante è che crediamo in lui”.

Advertisement

Conosce bene anche il tecnico della Roma, Mourinho.
“Ho un buon rapporto con Mou. Ho passato un po’ di tempo con lui in Inghilterra e ci siamo trovati benissimo. È speciale, molto divertente. Ti trasmette molto e c’è un motivo se ha portato le sue squadre così lontano. È una persona fantastica che sa guidare gruppi”.

Qualche allenatore dice che sei un calciatore “troppo mancino”.
“Beh, non lo so. È vero che a volte ripenso alla partita e penso che avrei potuto prendere un’altra decisione. Quando giochi vai con le pulsazioni a mille e ti esce il cuore dalla bocca. Dovrei usare più il destro? Sono felice così. Mi alleno con la mano destra ma a volte per natura uso la sinistra…”

Hai giocato due stagioni con la Roma quasi dieci anni fa. Cosa è cambiato in Lamela?
“Ho ricordi incredibili di Roma e della Roma. È stato il mio primo club in Europa, quello che mi ha ingaggiato dal Sud America e si è fidato di me. Ho passato due anni meravigliosi. In questi anni la mia testa è cambiata, sono più professionale, mi prendo più cura di me stesso e preparo le partite in modo diverso. Un decennio fa era tutto diverso”.

E di Roma che cosa conserva?
“Ho degli amici lì, di tanto in tanto vado a visitare la città, che è meravigliosa. Conosco ottimi ristoranti lì, mi piace molto il cibo italiano”.

Affronterà il connazionale Dybala, se il suo fisico lo consentirà.
“Conosco bene Paulo. Gli ho parlato prima della partita, ma non gli ho chiesto come stesse fisicamente. Speriamo che possa giocare la finale, perché è molto bravo e spero che non manchi. Conoscendo Mou, non so se quello che ha detto sulla sua condizione sia del tutto vero… Chi gioca gioca, dobbiamo pensare al Siviglia”.

Advertisement

Purtroppo mancherà un altro argentino, Acuña.
“È l’unica cosa amara della semifinale. Peccato che Marcos perda una partita così importante. È un mio amico, un grande giocatore e molto importante per noi. Non parlerò degli arbitri, ma non si può ammonire per non aver battuto un fallo laterale in cinque secondi. Acuña ci ha aiutato molto”.

Ti sono stati richiesti molti biglietti?
“Sì, cerchiamo di aiutare tutti affinché nessuno si perda questa grande finale”. FOTO: Credit by Depositphotos.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SCARICA L’APP DI ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID

Continue Reading

I più letti

Copyright © 2008 - 2023 | Roma Giallorossa | Testata Giornalistica | Registrazione Tribunale di Roma n. 328/2009
Editore e direttore responsabile: Marco Violi
Direttore editoriale e Ufficio Stampa: Maria Paola Violi
Contatti: info@romagiallorossa.it