La pandemia che ha sconvolto il mondo ha fermato la trattativa tra Friedkin e Pallotta per l’acquisto della Roma da parte del magnate texano. Chi sosteneva a marzo che il deal era chiuso e che sarebbero mancate solamente le firme, ha fatto un enorme buco nell’acqua. Secondo quanto risulta a Romagiallorossa.it, i motori sono al minimo: sono in corso riflessioni, valutazioni, ascolto e analisi.

Oltre alla situazione italiana legata al coronavirus, che sembra pian piano in via di risoluzione (almeno per qualche mese), preoccupa la situazione negli States: gli oltre 100.000 decessi e il milione e mezzo di contagiati fanno davvero paura. Numeri impressionanti, che limitano Friedkin a fare il passo decisivo per l’acquisto del club giallorosso.

Inoltre una data importante da sottolineare sarà quella del 30 giugno, ovvero la chiusura dell’anno fiscale dei club calcistici. In quel momento, probabilmente, Friedkin deciderà se riaprire con Pallotta la trattativa. L’interesse da parte del texano c’è, ma non si vogliono fare passi più lunghi della gamba. Inoltre bisognerà valutare se, come e quando ripartirà il campionato in Serie A, nodo cruciale per muovere nuovamente i passi verso un possibile acquisto. Tutta questa incertezza non aiuta. Pallotta lo sa, si guarda in giro, ma di potenziali investitori, al momento, non se ne vedono. Non rimane che attendere una nuova mossa, sempre se ci sarà, di Dan.

APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER APPLE
APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID

© RIPRODUZIONE RISERVATA