Lorenzo Pellegrini

ROMA-NAPOLI 0-2 PELLEGRINI – Lorenzo Pellegrini, centrocampista della Roma, ha rilasciato alcune dichiarazioni dopo la sconfitta dei giallorossi per 2-0 contro il Napoli. Queste le sue parole:

PELLEGRINI A ROMA TV

Cerchiamo di dare una spiegazione a questa partita, il mister ha detto che l’atteggiamento non è stato giusto nel primo tempo…
Mah, non mi sento di dire che da parte mia e dei miei compagni non ci sia stato l’atteggiamento giusto, analizzando il primo tempo ci siamo abbassati troppo e loro hanno avuto modo di dimostrare le qualità. Nel secondo tempo siamo entrati in maniera diversa e ha fatto la differenza. Anzi, abbiamo fatto un pochino meglio, non proprio la differenza.

Peccato perché nel secondo tempo avete cominciato bene e potevi fare il gol di testa e quel palo… è la mentalità o tatticamente il primo tempo tutti siete andati in confusione? Anche tu che sei abituato a giocare davanti…
Quello che posso assicurare è che parlando a nome di tutti i compagni questa partita è stata preparata da tutti noi, non è bello dirlo perché è andata così, ma come un’opportunità per dimostrare le nostre ambizioni. Purtroppo non è andata così e nel primo tempo abbiamo abbassato il nostro baricentro e abbiamo sofferto il Napoli che continuava a giocare il pallone e prendere confidenza e ci ha messo in difficoltà. Nel secondo tempo siamo entrati in maniera diversa e si è visto ma non è servito a niente.

Se ho ben capito non è stata una scelta di giocare bassi e uscire in velocità?
Dal mio punto di vista abbiamo preparato una partita non pressando alto ma la cosa in cui dobbiamo migliorare è che essere leggermente più bassi non vuol dire essere passivi. Su questo dobbiamo migliorare perché ci sta una partita in cui la squadra è più bassa. Poi è normale che restando più bassi il Napoli che è una squadra di qualità ha avuto la possibilità di metterci in difficoltà.

Avete ancora la voglia di rimontare e cercare di rientrare con le big?
Questo assolutamente, la partita non è andata bene e non è bello dirlo ma vedevamo all’interno dello spogliatoio questa partita come un’opportunità. Per tante cose, perché vincere questa partita non valeva solo tre punti ma molto di più, valeva tre punti contro una squadra che si giocava quello che giocavamo noi. Valeva anche per la partita di andata, per vincere contro una squadra che si gioca il posto in Champions. Era la partita dell’ambizione ma purtroppo non è stata così ma non perché non ci sia stata ambizione ma perché è andata così, sicuramente abbiamo tanto da migliorare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA