Dzeko: “Siamo stati troppo lenti. Barcellona? Serve cattiveria altrimenti sarà dura”

276
Edin Dzeko e Alessandro Florenzi

Edin Dzeko, attaccante della Roma, ha rilasciato alcune dichiarazioni subito dopo il pareggio dei giallorossi per 1-1 contro il Bologna.

DZEKO A SKY SPORT

“Difficile spiegare, nel primo tempo siamo stati troppo lenti con la palla e senza movimenti, ma anche così abbiamo avuto occasioni importanti. Loro hanno tirato una volta in porta e hanno fatto gol”.

Era un rischio giocare senza Dzeko?
No, ci sono altri giocatori forti che possono giocare. Patrik non ha fatto tanti gol, non era facile ma è giovane e deve crescere, per farlo deve giocare. Abbiamo fatto un gol sicuramente importante, ma abbiamo perso due punti.

Errore nella preparazione mentale della partita a causa del Barcellona?
Non lo so, forse sì. Difficile dirlo adesso, se avessimo vinto non avrebbe detto niente nessuno. Poi c’è una partita importantissima contro una delle squadre migliori del mondo, ci abbiamo pensato tutti un po’ sicuramente. Anche così però abbiamo avuto occasioni importanti per fare gol.

Col Barcellona sarà una Roma con la faccia cattiva?
Per forza, altrimenti è difficile.


DZEKO A ROMA TV

È un buon momento dal punto di vista personale.
Sì, quando fai gol è così ma è un peccato perché abbiamo perso due punti che alla fine possono essere importanti. Così è il calcio. Il primo tempo siamo stati lenti con la palla e con poco movimento senza palla, eppure abbiamo avuto qualche occasione. Loro hanno fatto gol sul primo tiro in porta, peccato.

Il mister aveva ripetuto di pensare solo al Bologna. La squadra ha pensato a Barcellona?
Abbiamo provato fino alla fine, qualche occasione anche nel secondo tempo dopo l’1-1 l’abbiamo avuta. Un po’ abbiamo pensato a Barcellona ma non abbiamo pareggiato per questo. Se facciamo gol il primo tempo finisce 3-0. Dobbiamo essere positivi perché ogni punto può essere importante, ce lo teniamo stretto.

È consapevole che è insostituibile? Anche al 10% è troppo importante. Anche quando vai in Nazionale e torni dì che stai bene…
Ho parlato col mister, in Nazionale ho fatto due partite da 75’. Sono stato un po’ stanco e il mister ha deciso. Adesso è facile dire che sono insostituibile.

I fatti dicono questo…
Prendiamo questo punto perché potevamo anche perdere. Loro erano tutti dietro a difendere, con questo punto andiamo avanti.

Ora bisogna girare pagina.
Sappiamo che squadra sono loro. Speriamo che Radja non sia grave, dobbiamo andare lì e dare tutto tutto.

L’eventuale qualificazione passa dall’andata o dal ritorno?
(Ride, ndr). Un po’ tutte e due, ma la gara più importante è l’andata. Al Camp Nou possono fare 5 gol a tutte le squadre del mondo. Dobbiamo stare attenti e concentrati, sono una squadra pericolosissima. Il mister preparerà la squadra al meglio.

APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER APPLE
APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID

© RIPRODUZIONE RISERVATA