Bruno Fernandes

MANCHESTER UNITED-ROMA 6-2 BRUNO FERNANDES – Bruno Fernandes, centrocampista del Manchester United, ha rilasciato alcune dichiarazioni dopo la vittoria dei Red Devils contro la Roma per 6-2. Queste le sue parole:

BRUNO FERNANDES A SKY

Che definizione dai a questa serata? 

Il primo tempo lo abbiamo iniziato bene, creando alcune occasioni e segnando. Su due contropiedi abbiamo subito due reti ma siamo stati bravi a stare in partita e a restare calmi. Nel secondo tempo abbiamo tenuto la palla e creato opportunità per fare gol.

Cosa hai trovato di speciale in questo ambiente? 

In Italia sono stato molto bene e sono cresciuto molto, allo Sporting sono esploso e ho cominciato a segnare tanto. Lì sono cresciuto a livello di mentalità ho lottato per grandi obiettivi. Qui mi hanno dato fiducia e mi hanno voluto bene, credo che per un giocatore la fiducia della gente fa la differenza e ti fa esprimere al meglio.

Ci racconti la vostra reazione? Sembravate tranquilli di poter ribaltare la situazione… 

Non ci siamo fatti prendere dall’ansia, siamo stati dentro la gara con la testa. Non ci aspettavamo una Roma così alta e aggressiva, siamo stati bravi a giocare con pochi tocchi e giocare veloce con palla a terra. La Roma è stata sfortunata, ha dovuto fare 3 cambi nel primo tempo e non hanno avuto più sostituzioni: Diawara non riusciva a correre, l’ho visto in campo, non stava bene ma ha dovuto tirare dritto fino alla fine. Loro erano stanchi e noi siamo riusciti a fare gol.

BRUNO FERNANDES ALLA TV UFFICIALE DEL MANCHESTER UNITED

“Ho segnato 32 gol allo Sporting e mi aspetto di passare quel limite. Il mio obiettivo è quello di fare sempre meglio, vincere trofei e migliorarmi in ogni stagione. Se faccio 32 gol in una stagione penso di poter fare anche meglio. So che sono tanti gol, ma perché no? Se lo sogni e combatti puoi riuscirci, quindi continuerò a provarci, anche a fare più assist dei 20 che costituiscono il mio record. È stato un piacere giocare con Cavani e Pogba, me i grandi giocatori fanno bene tutta la stagione, non solo nei big match. È semplice dire cose belle quando segniamo contro grandi squadre come la Roma, ma per me i grandi giocatori sono ad alto livello per tutta la stagione. Stiamo facendo molto bene, stiamo crescendo come squadre ed è la cosa più importante. Qualificazione? Tutti sappiamo che nel calcio può succedere qualsiasi cosa, se non andremo a Roma con concentrazione e mentalità per vincere la partita non passeremo. Dobbiamo andare lì con la stessa mentalità di stasera, provare a vincere e andare in finale con un altro successo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA