Ebrima Darboe

ULTIME NOTIZIE AS ROMA DARBOEEbrima Darboe è la nota dolce del finale di stagione della Roma. Il gambiano è un punto fermo della mediana e così è stato anche nel derby vinto contro la Lazio.

Calciomercato.com ha realizzato un’intervista con Miriam Peruzzi e Giorgio Ghirardi, che hanno scoperto Darboe e ora ne curano gli interessi: “Quando ho visto Darboe giocare ero allo Scopigno Cup, a Rieti. Ebrima aveva già un’intelligenza tattica sopra la media, la testa ruotava a 360 gradi, era nei punti luce per ricevere palla. E non aveva mai giocato a calcio voglio evidenziare. Ha iniziato a giocare a calcio alla Roma. In Africa ha sempre giocato su campetti di terra. Gioca con maturità e visione perché è passato da esperienze che lo hanno turbato molto. Dalla Libia è arrivato in Italia dopo un lungo percorso, ne ha trascorse tante. Lui ha fatto il primo provino alla Roma e non capiva nulla di italiano, ripeteva ciò che facevano gli altri, mettendosi dietro e imitando i compagni. È il figlio di Roma ora e anche di Fonseca, che ha usato parole non comuni per Darboe. Voglio davvero ringraziarlo per quello. Perché non l’ha schierato prima? Ci sono tanti meccanismi tra i professionisti, non è facile inserire giovani e prendersi rischi, l’allenatore è sempre il primo a rischiare. A Ebrima le sue parole hanno fatto molto piacere, a noi altrettanto”.

“Darboe è un ragazzo eccezionale, davvero per bene. Lo conoscono tutti alla Roma, è educato, io dico che è un ragazzo d’oro. Sta vivendo con serenità la situazione, con noi ha una famiglia. Mio papà fa l’allenatore, l’abbiamo adottato, mio papà a breve firmerà le carte legali perché sia adottato al 100%. Diventerà Peruzzi come me, Ebrima Darboe Peruzzi. Sono molto felice, abbiamo deciso di farlo tanti anni fa e non oggi perché gioca in Serie A, se lo merita, è al 100% parte del nostro nucleo famigliare. Il suo contratto scade nel 2023, i rapporti con la Roma sono ottimi e a breve ci incontreremo, penso troveremo un accordo per adeguare e prolungare il contratto. La voglia del ragazzo è di rimanere, penso sia reciproca la volontà. Tante chiamate, ma per ora non siamo caduti in tentazione. Mai dire mai, ma mi sembra prematuro, vediamo cosa succede. Noi vogliamo continuare con la Roma e loro penso con noi. Posso dire che lo cercano grandi club, dall’Inghilterra alla Spagna e la Francia, ma anche club importanti di Serie A che sarebbero felici se giocasse con loro. Lo cercano più club esteri che non italiani, a noi italiani piacciono giocatori più vecchi (sorride, ndr). Se rimane a Roma, rimane per giocarsela con Mourinho. Altrimenti si va da un’altra parte, ma non penso in Italia. Darboe adora De Rossi. Adora il papà, è grazie a lui se oggi è dov’è (allenatore della Primavera, ndr). Ma adora Daniele, lo ha sempre coccolato, gli ha dato consigli, gli scrive e lo supporta, hanno un ottimo rapporto. Va d’accordo bene o male con tutti, ha grande feeling soprattutto con Diawara e Villar. Ma è da sempre un grande tifoso del Barcellona, giocare con Pedro per lui è un sogno, l’aveva sempre visto in televisione. Nella vita i sogni si possono anche avverare, questo lo dimostra”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA