Lorenzo Pellegrini, Tammy Abraham

AS ROMA NEWS BODO/GLIMT PELLEGRINI – Lorenzo Pellegrini, capitano della Roma, ha rilasciato alcune dichiarazioni dopo la sconfitta per 2-1 in Conference League contro il Bodo/Glimt. Queste le sue parole:

PELLEGRINI A SKY SPORT

Rammarico per la partita?
Il rammarico è uscire da qui con il 2-1 per loro. La prossima settimana abbiamo questa partita importante. per noi era già una battaglia e poi ho avuto modo di vedere in questo momento un atto davvero sgradevole. Il loro allenatore ha aggredito il nostro preparatore dei portieri in maniera forte. Noi siamo venuti qui con tutto il rispetto, per loro e per la competizione. Fatti così sono un insulto per tutti, per la Roma, per noi e per la competizione. È una vergogna.

Il campo? Mourinho lo ha definito “di plastica”
La vergogna è che in una competizione come questa, si arrivi ai quarti di finale ed è impossibile capire dove rimbalza il pallone sul campo. Però non abbiamo scuse, ci riproveremo tra una settimana. Mi dispiace sono ancora scosso per quello che ho visto.

Come sta Mancini?
Non la sa neanche lui, mi sembrava abbastanza preoccupato. Sapremo solo tra qualche giorno come sta.

Il tuo dodicesimo gol, è un record.
Avrei preferito festeggiare il record con la vittoria. Però ora giochiamo il secondo tempo di questa partita a casa nostra, nel nostro stadio, con le nostre abitudini. Saranno importanti anche i nostri tifosi. Vogliamo mandare a casa il Bodo anche per come si comportano fuori dal campo.

PELLEGRINI A ROMA TV+

“Sapevamo che sarebbe stata difficile, lo avevamo già visto nella fase a gironi, non era facile giocare qui con questo campo e questo clima, ma non sono scuse. Abbiamo fatto una buona partita secondo me, semplicemente hanno avuto due episodi a favore e non hanno fatto molto per crearli. Noi invece abbiamo avuto episodi in cui potevamo fare meglio. Alla fine è andata così, hanno vinto 2-1 ma è solo la prima partita, ora c’è il ritorno e non vediamo l’ora”.

12 gol in stagione.
Diciamo che è sempre bello migliorarsi. Lo scorso anno ne avevo fatti 11 ed era già un traguardo che mi rendeva già felice, sono riuscito a migliorarmi e ho ancora altre partite per fare meglio. Non vedo l’ora di giocare giovedì e di fare bene, per noi sarà un po’ come una battaglia sia per come sono andate le partite con loro sia per come si sono comportati qui con noi. Noi siamo venuti qui con il massimo del rispetto, abbiamo rispettato il fair play nel migliore dei modi e loro si sono comportati veramente male con noi. Addirittura il loro allenatore ha aggredito il nostro preparatore dei portieri Nuno Santos. Penso che questo sia un grande insulto ad competizione europea, vista in tutto il mondo e questa è veramente una cosa spiacevole. Soprattutto è un grande insulto alla Roma e ai romani, quindi credo che giovedì prossimo oltre ad essere una partita che ci può far andare in semifinale, sono certo che questa partita non la giocheremo in 11 ma veramente in tanti

FOTO: Credit by Depositphotos.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SCARICA L'APP DI ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID