Josè Mourinho

ULTIME NOTIZIE AS ROMA RADIO – Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Buona lettura!

Francesco Balzani (Centro Suono Sport – 101.5): “Credo che Totti abbia un po’ il rimpianto di non aver mai lavorato con Mourinho, gli sarebbe piaciuto tanto, sarebbe stata l’evoluzione di Capello in qualche modo. Se la sarebbe goduta volentieri la Roma di Mourinho, di sicuro è felice da tifoso ma un po’ invidioso da ex calciatore e dirigente. Su Zaniolo ha fatto bene a mettere una sorta di freno, anche lui ha passato la fase di esaltazione iniziale, anche se per sua fortuna non ha dovuto affrontare gli infortuni di Zaniolo. Pellegrini? Totti parlava di Pellegrini capitano e non Florenzi perché conosceva entrambi e alla fine si è verificato quello che aveva previsto, ovvero Pellegrini è rimasto a fare il capitano e Florenzi è andato a Milano. Zaniolo? Io ci credo nella ripresa completa, anzi non mi aspettavo neanche che stesse così bene ora, altri per questi infortuni hanno smesso di giocare. Dopo Natale sono quasi convinto che vedremo al 90% lo Zaniolo di prima”.

Antonio Felici (Centro Suono Sport – 101.5): “Ero perplesso su Pellegrini capitano, mi aveva sorpreso l’endorsement di Totti ma questa evoluzione e il nuovo Pellegrini con Mourinho sta dando ragione a Totti. Su Zaniolo Totti è stato molto saggio. Se resterà così tra 10 anni può costruirsi una carriera importante, non dico come Totti perché lui ha fatto cose enormi”.

Mario Corsi (Centro Suono Sport – 101,5): “La storia della corsa di Mourinho sotto la curva ha fatto il giro del mondo. E’ un allenatore che ha i riflettori puntati su di sé da parte della stampa italiana ed estera. La cosa importante è che abbia conquistato la squadra, che i giocatori sono diventati 3 o 4 volte più forti di quelli che erano. Le parole di Totti? Per quanto riguarda Zaniolo ha ragione, deve ancora dimostrare, ma fino a ora non lo ha fatto perchè ha avuto due infortuni molto gravi. A me sembra che Zaniolo ora sia molto più serio, non vedo atteggiamenti strani, anzi, è ben inserito nella squadra. Di Francesco già esonerato? Allenatore assolutamente sfortunato. Strano, in campo era uno forte, determinato, ma si vede che non sa farsi rispettare né dai presidenti né dagli spogliatoi, perchè non è possibile che ovunque vada lo cacciano”.

Gianluca Piacentini (Rete Sport – 104,2): “Giovedì c’è la Conference, ed è interessante capire se Mou vorrà fare turn over e dare spazio a chi ha giocato meno. L’esonero di Di Francesco? Non so se è un bene o un male, di solito le squadre cercano sempre di avere una rivalsa. Io credo che sia folle cacciare un allenatore dopo tre partite, allora non dovevi proprio prenderlo se non credevi nelle sue idee di calcio. Io spero a questo punto che prendano Tudor, me lo auguro da romanista”.

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino – 104,5): “Mourinho coinvolge tutti e la gente è entusiasta. Mai visto negli ultimi un Olimpico così pieno. Domenica sera la partita era difficile, e la Roma è stata brava a crederci fino alla fine”.

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio Mattino – 104,5): “Incredibile come Mourinho abbia preso il cuore della gente in così poco tempo. E’ cambiato rispetto al passato, in certi versi mi ricorda un po’ anche Liedholm, quando esalta l’avversario, anche se meno forte”.

Tony Damascelli (Radio Radio Mattino – 104,5): “L’impatto di Mourinho a livello mediatico è stato enorme, non si parla che di lui. E’ un’azienda, una delle tante portoghesi. Lui ha una cultura e un’intelligenza fuori dal normale, non vive solo di football. Con lui puoi andare a cena e parlare di tutto tranne che della partita, non è un maniaco del calcio. E’ un valore importantissimo anche per la stampa romana”.

Nando Orsi (Radio Radio Mattino – 104,5): “Migliorare Fonseca non era difficile, ora non dobbiamo esagerare con Mourinho. Bravo Totti a non esaltare Zaniolo, serve continuità per lui”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA