Dan e Ryan Friedkin

ULTIME NOTIZIE AS ROMA RADIO – Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Buona lettura!

Antonio Felici (Centro Suono Sport – 101,5): “In un’epoca come questa dove siamo liberi di fare quello che ci pare, c’è una forte limitazione della libertà: non puoi permetterti di frequentare chi ti pare perché ormai chi fa i video c’è sempre. E’ un ragazzo di 17 anni e non è facile avere tutto questo autocontrollo. Punizione sì, ma soprattutto parlarci perché ha passato un brutto periodo. Infierire mi sembrerebbe sbagliato. Non sono però liberi di fare quello che vogliono, è un attimo”. 

Francesco Balzani (Centro Suono Sport – 101,5): “Zalewski è un coprotagonista, è un video social rubato da un personaggio un po’ così… Hai delle persone accanto che non ti sono amiche, adesso rischia con la Roma e con Mourinho e adesso rischia con la nazionale a cui aveva detto di no perché era in un momentaccio. Mi chiedo adesso i giocatori chi si mettono vicino? Prima avevano amici che gli coprivano le spalle. Non è un giocatore affermato che domenica entra, segna e zittisce tutti. Bisogna stare attenti con questi social”.  

Mario Corsi (Centro Suono Sport – 101,5): “Mancini dice che è incantato da Mourinho, che non bisogno di dare retta a chi li critica ma solo all’allenatore, e io sono assolutamente d’accordo. Ma al di là dei buoni intenti sono i risultati, anche quelli personali, che fanno il giocatore, altrimenti sembra sempre che è sempre colpa di qualche fattore esterno. Mancini è uno dei difensori più scarsi che ha la Roma: si può dire o no? Capisco che possa rosicare, ma possiamo dire che un giocatore non ci piace oppure dobbiamo stare zitti e continuare a non vincere per altri 40 anni? Se Mourinho chiede un contratto nuovo per Zaniolo, io ci credo. Ma se mi dici che chiede quelli di Mancini, Cristante e Veretout, mi prende una certa palpitazione. Io non credo che sia quello il progetto di Mourinho, sarà uno sbaglio di chi lo scrive”.

Gianluca Piacentini (Rete Sport – 104,2): “Le parole di Mancini? E’ una bella intervista. Di Dzeko dice che era arrivato il momento di cambiare aria. Certifica il triumvirato azzurro con Pellegrini e Cristante. Quella di Mourinho è altrettanto interessante, anche se un po’ datata. Sul fatto che lui possa essere contento di costruire qualcosa di importante che permetta a qualcun altro dopo di lui di vincere, ci credo poco. Io non mi auguro che per vincere si dovranno aspettare più di tre anni, per cui spero che sia lui a vincere. Non cominciamo a dire che in tre anni si gettano le basi, e che per vincere ne serviranno cinque. Se firmerei di vincere lo scudetto tra cinque anni? Se fosse garantito, firmerei”.

Alessandro Austini (Teleradiostereo – 92,7) “Se fosse vero che la Roma di Pallotta rischiava di non iscriversi al campionato e di fallire, allora rischia anche la Roma dei Friedkin, la Juve di Agnelli e così via. Le squadre rischiano di fallire quando non hanno alle spalle una proprietà pronta e disposta a mettere i soldi. Non si può dire che stia fallendo la Roma di Friedkin altrimenti potrebbero fallire tutti da un momento all’altro”.

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino – 104,5): “I nuovi dirigenti non li conosco ma spero che facciano un buon lavoro per tenere la Roma ben solida tra le prime quattro del campionato per poi puntare a vincere qualche trofeo”.

Nando Orsi (Radio Radio Mattino – 104,5): “La Roma sta facendo bene tecnicamente perché è quarta in campionato e adesso vediamo anche dal punto di vista societario. Credo che i Friedkin abbiano puntato molto su Mourinho, lui come punto centrale del progetto”.

Mario Mattioli (Radio Radio Mattino – 104,5): “I Friedkin hanno fatto bene e continuano a farlo facendo un taglio netto con il passato. Ora mi aspetto un buon progetto per il nuovo stadio che servirà a fare della Roma un club sempre più importante a livello internazionale. Credo che i giocatori rendono ancora di più in campo perché sentono la società alle spalle che sta lavorando bene. E’ uno stimolo in più”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA