Grobbelaar: “L’Olimpico per me è off-limits, sono nella black list”

281
Bruce Grobbelaar

Bruce Grobbelaar, ex portiere del Liverpool che conquisto la Coppa Campioni ai danni della Roma nella finale del 1984, è tornato a parlare della sfida di domani tra giallorossi e Reds. Queste le sue dichiarazioni a TMW:

Grobbelaar, se le dico Roma-Liverpool cosa mi risponde?
“Una notte magica, giocata in condizioni avverse per noi del Liverpool. Eravamo in trasferta, lo stadio una bolgia a spingere la Roma. Eppure siamo riusciti a superare tutti gli ostacoli. Adesso si ritrovano contro con qualcosa di grande in palio, ma sarà diverso perché parliamo di andata e ritorno”.

La “spaghetti dance” è entrata nella storia. Lei ci aveva pensato da prima o fu tutto improvvisato?
“Pura improvvisazione. Al momento dell’esecuzione di Bruno Conti guardai i fotografi e morsi la rete. Conti sbagliò l’esecuzione. Pensai allora di continuare, guardai la rete e mi sembravano spaghetti e inscenai un balletto con le gambe che appunto sembravano spaghetti”.

A Roma non gliel’hanno perdonata
“I romanisti non me l’hanno perdonata. In compenso ho guadagnato l’affetto dei tifosi laziali. Lo sa che dopo quella partita sono diventato membro onorario di un Lazio Club in Sudafrica? (ride, ndr)”.

È mai tornato a Roma?
“Sì, recentemente. E non solo a Roma. Ho visitato la Toscana ad esempio, bellissima. E riguardo la Capitale ho avuto modo di apprezzare il Colosseo, il Vaticano, ma in generale la città. Tranne lo stadio, per me era off limits”.

In che senso?
“Volevo entrare all’Olimpico, calpestre quel terreno di gioco, riposizionarmi nella porta che ho difeso durante quella lotteria dei rigori. Volevo che mia moglie vedesse dove avevo conquistato la Coppa dei Campioni. Ma non hanno voluto farmi entrare, ero praticamente in black list. Incredibile, vero?”.

Scontato dire che non sarà ad assistere a Roma-Liverpool
“Me la guarderò dai Caraibi. All’andata, però, sarò a Liverpool”.

Lei ha combattuto la guerra in Rhodesia e soprattutto per questo ha preso il calcio per quello che è realmente: un divertimento
“Sono stato un soldato per due anni nella guerra di Rhodesia e ho visto cose di cui preferisco non parlare. Per questo dico che il calcio è divertimento e deve essere vissuto come tale. Intendiamoci, ci sono tanti interessi economici dietro e oggi più di ieri va preso seriamente e ci sono tante pressioni. Ma quello che dico a un calciatore è che deve essere felice quando è in campo, perché in quell’istante sta facendo qualcosa che tutti gli altri invidiano”.

Restando ai portieri, le piace Alisson?
“È un ottimo portiere, ma in Liverpool-Roma ci saranno due ottimi portieri. L’altro è Karius”.

Il Liverpool è come la Roma la rivelazione della Champions
“La squadra gioca molto bene e a gennaio ha corretto alcuni difetti: con l’acquisto di Van Dijk la difesa è migliorata notevolmente. Col City era sfavorito ma ha letteralmente spazzato via gli avversari e questo mi ha colpito molto”.

Anfield come l’Olimpico possono essere fattori decisivi
“Ricordo molto bene l’atmosfera romana di 33 anni fa: elettrica, incredibile, una passione travolgente. E nella rimonta contro il Barcellona ha fatto sicuramente la sua parte. Anfield è un altro campo molto caldo, che spinge la squadra. Tengo a precisare una cosa, che dico ai tifosi romanisti: venite a Liverpool, non correrete alcun rischio. Perché Liverpool e i tifosi dei reds sono tifosi molto ospitali e i giallorossi sono i benvenuti ad Anfield”.

Chi andrà in finale fra Liverpool e Roma?
“Se il Liverpool gioca ad Anfield la partita che ha fatto col Manchester City è possibile che vinca anche con ampio scarto, cosa che potrebbe essere fondamentale in vista del ritorno all’Olimpico”.

APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER APPLE
APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID

© RIPRODUZIONE RISERVATA