Amadou Diawara

AS ROMA NEWS DIAWARA MOURINHO – Amadou Diawara, centrocampista in uscita dalla Roma, ha rilasciato un’intervista ad AS parlando dei suoi inizi e del suo rapporto con Josè Mourinho. Queste le sue dichiarazioni:

Amadou, come è iniziata la tua avventura nel calcio? 
“L’infanzia in Guinea non è stata facile. Mio padre era un insegnante e non voleva che giocassi, ma sono riuscito a convincerlo e alla prima occasione che ho avuto mi ha fatto viaggiare in Italia. All’inizio è stato particolarmente difficile per me adattarmi a un gioco così tattico”.

La tua formazione era diversa. 
“In Africa si giocava per strada, lì bisogna imparare così, ma lo apprezzo: è il modo migliore. Non ci sono regole, devi stare attento a non farti male, a non cadere… È quello che mi ha reso più forte”.

In poco tempo il Bologna si è accorto di te. 
“Mentre a San Marino ho fatto delle prove nella squadra del direttore Corvino, non ho potuto firmare per il Bologna perché era in serie B, e io ero extra comunitario. Appena salito mi ha ingaggiato per la Primavera. Delio Rossi mi ha voluto con la prima squadra dopo il ritiro estivo e sono stato fortunato ad avere spazio lì”.

In quel momento si parlava di te per la Nazionale italiana. 
“Avevo questa possibilità, ma anche se ci sono arrivato a 16 anni, non mi sento italiano. Sono guineano e scegliere la selezione del mio paese è stato naturale, il più giusto”.

Dopo solo un anno è arrivata la chiamata del Napoli. Com’è stato lavorare con Sarri? 
“Maurizio è matto, un insegnante. Nei primi allenamenti mi faceva male la testa, la palla andava troppo veloce”.

Hai guadagnato fiducia: è stato anche titolare al Bernabéu. 
“Non me l’aspettavo nemmeno io, ma sentivo che stavo bene e ci sono arrivato con una calma che non immaginavo. Avevo Cristiano, Benzema, Kroos, Casemiro davanti a me… Ero bloccato pensando che avevo visto queste partite solo in televisione in Africa, e all’improvviso era lì”.

Quella notte si imbatté in Maradona. 
“È stato un privilegio, ho conosciuto il Dio del calcio, come si dice a Napoli. Ricordo che negli spogliatoi del Bernabéu ci ha dato un’energia incredibile. Non è un caso che siamo scesi in campo così bene e siamo riusciti a segnare lo 0-1”.

I napoletani ricordano il Chievo per un gran gol, quando lo scudetto era vicino, nel 2018. 
“E’ stato un calcio d’angolo. Normalmente, stavo fuori dall’area, ma ho sentito qualcosa e sono entrato. Milik ha pettinato l’angolo e ho segnato. Ho iniziato a correre per festeggiare e non sapevo nemmeno dove andare… Quel gol ci ha avvicinato allo scudetto, che alla fine abbiamo vinto nonostante avessimo fatto 91 punti. Il calcio è così, speriamo che il Napoli ci riesca un giorno”.

Successivamente hai conosciuto Ancelotti. 
“Carlo è un gentiluomo, questo lo sanno tutti. Nell’estate in cui è arrivato, ricordo che un pomeriggio ho ricevuto diverse videochiamate da un numero sconosciuto. Non volevo rispondere e pochi minuti dopo ho ricevuto una chiamata normale. Lì ho risposto e lui ha detto ‘Hey, io sono l’allenatore”. Un’altra cosa mi è rimasta impressa. Il giorno in cui me ne sono andato, ha fermato la sua macchina per venire a salutarmi e lo ha fatto con un amore che ricorderò per tutta la vita”.

Sei andato da Napoli alla Roma, dove quest’anno hai avuto poco spazio. 
“I primi due anni sono andati bene, ma gli infortuni al ginocchio e la pandemia hanno fermato la mia crescita. Poi è arrivato Mourinho, lavorare con lui è stato un altro sogno che si è avverato. Ha portato molto entusiasmo al club e alla città. Ho avuto un buon rapporto con lui, anche se non ha mai avuto spazio. Sono decisioni tecniche, l’allenatore è stato sempre chiaro con me e l’ho accettato”.

Non è stata colpa sua, ma la partita con il Verona del 2020 non è stata molto fortunata. 
“Era tutto molto strano. Improvvisamente sono tornato a casa e ho iniziato a ricevere decine di insulti e non sapevo perché. Io sono un calciatore, penso ad allenarmi e farlo bene, non capisco la burocrazia…”.

Come è stato vincere la Conference League? 
“Una Coppa è sempre una Coppa, è stata un’esperienza incredibile vivere un titolo dall’interno. La città aspettava da tempo un trofeo e, pur non essendo stata protagonista, l’ho vissuta con gioia. Ho aiutato in quello che potevo: allenarmi al meglio”.

Cosa ti aspetti per il tuo futuro? 
“Mi piacerebbe trovare una squadra dove posso avere spazio, ma il mercato dipende da molti fattori, non solo da me. Credo nel mio potenziale e sento di poter fare bene”.

A gennaio eri a un passo dal Valencia. 
“Ero in Coppa d’Africa, mi hanno chiamato per parlarmi delle squadre interessate e ho scelto il Valencia. L’avrei chiusa subito, ma ho aspettato altri quattro, cinque giorni e alla fine non si è fatto nulla. Non so ancora perché”.

Ti piacerebbe vivere un’avventura in Spagna? 
“Amo La Liga. Se si presenta un’opportunità, ovviamente”.

FOTO: Credit by Depositphotos.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SCARICA L'APP DI ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID