Granit Xhaka

CALCIOMERCATO AS ROMA XHAKA – Dal ritiro della Nazionale, parla Granit Xhaka, tra i principali obiettivi di mercato della Roma. Il portale Blick.ch, prima di lasciar spazio all’intervista, parla di un accordo raggiunto col club giallorosso fino al 2025. Queste le parole del centrocampista svizzero:

Granit Xhaka, sei in nazionale dal 2011. È questa la squadra migliore da allora?
“È difficile dirlo, ogni squadra aveva le sue qualità. Ma sono convinto che ci siamo sviluppati in modo significativo nel tempo. Personalmente ho sempre ricordi positivi degli ultimi 10 anni con la maglia della Svizzera. Certamente ci sono stati momenti deludenti nei tornei più importanti, dove siamo rimasti in parte delusi. Ma per il resto sono molto contento delle mie esperienze con questa grande squadra e sono convinto che la crescita di questa squadra non sia ancora finita”

Cosa t’aspetti dall’Europeo?
“Giocare un campionato Europeo è il sogno di ogni giocatore, che sia un nuovo arrivato o un giocatore esperto come me. Sono molto motivato e desideroso di fare qualcosa di speciale per il nostro paese con la nostra formazione”

Prima di ogni torneo, dal Mondiale con l’U17, arriva la tua leggendaria frase che farai le valigie fino alla finale. Lo farai anche questa volta?

“Entro in ogni partita e torneo con questo atteggiamento. Se non ti poni obiettivi alti, non puoi ottenere nulla. Abbiamo il potenziale per fare la storia e lo abbiamo dimostrato molte volte. E sicuramente metterò in valigia abbastanza cose che dureranno fino alla finale”

La partita più complicata sarà contro la Turchia. Nel 2005 i turchi hanno battuto la nostra nazionale…fuori dal campo. Ti ricordi?
“Certo che me lo ricordo e penso che la maggior parte degli svizzeri interessati allo sport lo ricordi. Ma questo è passato da tempo e fa parte della storia, la Turchia ha una nuova squadra davvero forte con questa nuova generazione. Molti dei migliori giocatori, possono battere qualsiasi squadra del mondo se in buona giornata. Non dovremo lasciarli giocare nell’euforia. Dobbiamo contrastarli con concentrazione, aggressività, intelligenza tattica e la nostra mentalità per batterli”

Sì, ma la sfida può scaldarsi in campo.
“Questo non è un problema per noi, siamo tutti i migliori professionisti che conoscono certe situazioni. Dobbiamo giocare la nostra partita con la mente fredda e un piano chiaro”

Sei appena diventato padre per la seconda volta. Com’è per te stare separato dalla tua famiglia per così tanto tempo?
“Sì, è vero, siamo appena diventati genitori di una bambina e non è sicuramente bello lasciare la famiglia per così tanto tempo. Ma sono molto orgoglioso di mia moglie, che gestisce molto bene questa situazione insieme alla mia famiglia. Mi dà la libertà di concentrarmi sul mio lavoro e dare il massimo per il nostro Paese. Certo i piccoli in questo periodo mi mancheranno, ma forse potrò spiegare loro più tardi perché papà non era in casa ma solo in tv”

Hai avuto un buon anno personalmente, ma non un grande anno per l’Arsenal. Quanto ti infastidisce l’8° posto in Premier League alla fine della stagione?
“Il calcio è uno sport di squadra e tu sei bravo quanto la tua squadra. Ovviamente è stato un buon anno per me personalmente, ho sempre giocato e mi sono messo in mostra, ma il piazzamento a fine stagione è davvero amaro e deludente per noi”

Quali sono stati i problemi di questa stagione di Premier League?
“C’erano sicuramente una serie di problemi che non sono andati per il meglio. Ma ora non ha senso guardare indietro”


Hai spesso ricevuto gravi insulti e odio su Internet. Cos’è successo?
“Ho avuto esperienze molto negative. Ma è un argomento importante per me in generale, ci si dovrebbe comportare con rispetto anche su Internet. Devono esserci dei limiti. Molti miei colleghi, il mio club e molti dei nostri giocatori la pensano come me. Ecco perché parlare chiaro è importante”

E come te la cavi da solo?
“Se qualcuno critica la mia prestazione, allora è un’opinione che devo essere in grado di affrontare. Ma quando questo diventa più profondo, c’è l’incitamento all’odio contro la famiglia e contro i bambini, allora il limite viene superato. Personalmente, posso affrontare bene ciò che si riversa su di me e cerco sempre di rimanere positivo”

Quali canali gestisci da solo?
“Instagram e Facebook”

Qual è il tuo consiglio ai giovani giocatori che stanno crescendo con questo e che ora sono all’inizio della loro carriera?
“Devi lavorare, lavorare, lavorare – in campo e in allenamento!”

Compirai 29 anni quest’anno, Alex Frei è tornato all’FC Basilea a questa età. Tornerai anche tu un giorno?
“Sì, è incredibile come vola il tempo. Ora ho quasi 29 anni (ride). Ma mi sento ancora giovane, ancora in forma e affamato, e voglio continuare a giocare a calcio ai massimi livelli. Ed è certamente un sogno per me e Tauli giocare di nuovo insieme al Basilea, anche se solo per un minuto o per una partita. Ma mi piacerebbe vincere un altro titolo con il Basilea”

Lasceresti che tuo fratello prenda la fascia da capitano?
“Decisamente! Taulant è una leggenda del Basilea e una leggenda del club merita la fascia di capitano”

Quanto è realistico un ritorno in Super League?
“Al momento non ci sto pensando. Voglio solo offrire un calcio di alta qualità con la nostra squadra qui e ora, in questo Europeo”

© RIPRODUZIONE RISERVATA