Gurban Gurbanov

L’allenatore del Qarabag, Gurban Gurbanov, ha risposto alle domande dei giornalisti in conferenza stampa alla vigilia del match di Champions League che si giocherà domani sera all’Olimpico contro la Roma.

“Buonasera a tutti. Sapete che siamo all’ultima partita e posso dire che abbiamo imparato tanto e fatto esperienza nonostante i risultati non siano soddisfacenti. Abbiamo intenzione di giocare domani, il destino della Roma dipende da domani ma i miei giocatori dimostreranno che non sono arrivati in questa competizione per caso”.

Chi l’ha impressionata di più tra Di Francesco e Conte?
Di entrambi posso dire solo cose buone. La scuola italiana è una delle migliori, queste due personalità sono diverse e ognuno col proprio sistema e un proprio modo di fare. Conte e Di Francesco hanno la loro specifica filosofia. Come è stato difficile con il Chelsea sarà difficile anche con la Roma, ce la metteranno tutta.

Cosa significherà la partita per lei e per i giocatori?
Già ne abbiamo parlato, i giocatori vogliono dimostrare cosa sono in grado di fare. Per quanto riguarda i giocatori, più partite fanno e più fanno esperienza, per loro è sempre bello giocare. Domani avremo il vantaggio di giocare senza stress, faremo una partita migliore.

In che modo rimedierete alle assenze?
Restano tre difensori importanti, ho cercato di far fare esperienza a tutti. Abbiamo già provveduto a questi problemi, lascio giocare solo un giocatore di cui mi fido, chi giocherà avrà la mia piena fiducia

Quali erano le aspettative della squadra in Champions League?
Potevamo anche avere 0 punti, non si sapeva nulla quando abbiamo iniziato. Dopo la grande sconfitta di Londra ci siamo ripresi e sono contento, abbiamo guadagnato tante cose, una delle quali è l’esperienza. Il guadagno più grande è aver portato grandi squadre in Azerbaijan, questo manderà avanti sia noi che il calcio azero. Sono soddisfatto, ci sono stati dei problemi per cui non siamo riusciti a fare tutto. Ma il risultato per me è soddisfacente

Dopo l’andata, Di Francesco ha detto che ha acquisito autostima. Che impressione ha avuto lei, invece?
Conosciamo la Roma e la sua forza. Nell’andata nei primi 20 minuti siamo partiti bene, poi siamo stati sfortunati così come nelle gare successive. Lavoro molto sull’autostima, voglio entusiasmo e rispetto di loro stessi dai giocatori

Dall’anno prossimo guiderà l’Azerbaijan.
Non ne voglio parlare, ancora non è ufficiale. Voglio fare le prime partite già a gennaio

Ottenere un buon risultato in Europa League è meglio di passare il primo turno in Champions?
Per una squadra la cosa migliore è mettere davanti il massimo obiettivo, per noi è stata la Champions League. Dopo averlo perso si mette davanti un obiettivo inferiore ma non meno grande. Ora siamo primi in campionato ed è importante mantenere la posizione, perché chi vince il titolo entra in Champions. Meglio fare esperienza in Champions che disputare sempre le stesse gare in Europa League

FOTO: Credit by Depositphotos.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SCARICA L'APP DI ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID