Edoardo Bove, Stephan El Shaarawy

AS ROMA NEWS BOVE – Un titolare aggiunto, un patrimonio della Roma. Contro l’Udinese è entrato in corsa spostando gli equilibri. Con l’assist per il tris di El Shaarawy, con la verticalizzazione che poi ha mandato in porta Dybala, ma anche con la solita fame che si percepisce a occhio nudo, scrive il Corriere dello Sport.

Già, Bove piace a tutti: a Mourinho, alla tifoseria e al resto dei compagni. Perché dà il massimo sempre e comunque, dimostrando che non bastano centimetri, muscoli e l’etichetta da predestinato per fare il calciatore vero. «Come ho conquistato lo Special One? Me lo chiedo anche io qualche volta (ride, ndr). Credo sia una questione di fare quello che l’allenatore chiede e fare la cosa più semplice non è mai banale. Il rapporto tra un giocatore e un allenatore si basa sulla fiducia – ha detto il centrocampista a Star Casinò Sport –, se un tecnico si fida di quello che gli puoi dare si crea un bellissimo rapporto. Credo sia la componente che mi permette di fare quello che Mourinho chiede».

Romano, romanista, cresciuto fin da bambino dentro Trigoria con il mito di Daniele De Rossi. Bove ha fatto divertire anche il suo idolo che era in tribuna durante Roma-Udinese. Nota di colore: dentro lo spogliatoio difficilmente viene chiamato Edoardo. Ormai il suo nome si è trasformato in… Daniele. In maniera scherzosa, ma fino a un certo punto.

Perché appunto Bove reincarna quella passione e quell’ardore che aveva l’ex numero 16. «De Rossi è sempre stato un esempio. Abbiamo una grinta e una cattiveria in campo che ci accomuna, ma devo imparare da lui tantissime cose e continuerò a cercare di migliorare il più possibile. Mi piaceva tantissimo», ha ammesso Bove che non nasconde in futuro di voler cambiare numero di maglia.

«Ho sempre portato il numero 8 nel settore giovanile, mi piacerebbe molto averlo di nuovo. Anche il 5 mi piacerebbe. Non vestirei mai il 10, non per il tipo di pressione, ma perché a Roma è sacro, è una religione. Non mi permetterei mai». Parole che confermano la voglia del centrocampista di non spostarsi dalla sua città, dalla squadra del suo cuore.

Bove sta aspettando una chiamata della Roma per rinnovare il contratto che scade nel 2025. In questo momento è il giocatore meno pagato della rosa con 250.000 euro di stipendio, il minimo garantito per chi sale in prima squadra dal settore giovanile. Lo impone il nuovo diktat per non ripetere gli errori del passato, cioè strapagare i baby in rampa di lancio come capitato con Riccardi (700 mila euro) e Bouah (1 milione).

Meteore che non hanno lasciato il segno ai piani alti, incidendo poi per anni sul monte ingaggi. Con altrettanta onestà bisogna dire che il suo ingaggio è quello (molto regimentato) ed è fermo ormai da lunga data: discorsi che evidentemente il suo manager Tavano starà mettendo sul piatto nella concertazione con Pinto.

Il nuovo accordo tra Bove e la Roma, atteso da mesi, sarà in linea con la dimensione che è riuscito a ritagliarsi dentro la rosa di Mourinho nel giro degli ultimi tre anni, lungo intervallo di tempo durante il quale è passato da signor nessuno a ingaggio fondamentale.

FOTO: Credit by Depositphotos.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LEGGI TUTTOCALCIOWEB.INFO