Harry Kane, Josè Mourinho

ULTIME NOTIZIE AS ROMA MOURINHO EURO 2020 – Josè Mourinho torna a parlare. Lo fa al Times, dove analizza in particolare i quattro centravanti più forti di Euro 2020: Ronaldo, Kane, Lukaku e Benzema.

“Lavorare con i migliori giocatori del mondo, è una sfida diversa ma una grande sfida. Per un allenatore, c’è molta pressione: “Ho l’oro nelle mie mani e devo assicurarmi che brillerà”. In caso contrario, la pressione è sull’allenatore. Lo sappiamo tutti. Se le stelle non si comportano secondo le aspettative – ha scritto sul Times – è molto difficile per l’opinione pubblica puntare il dito contro il giocatore. È più facile dare la colpa all’allenatore. “Questa superstar non sta giocando alla grande perché l’allenatore non lo sfrutta al meglio, perché il sistema tattico non è adattato bene, perché non dovrebbe giocare in questo sistema”. Se non segna Romelu Lukaku, un ragazzo che è stato fantastico per tutta la stagione, la gente guarderà all’allenatore del Belgio Roberto Martínez. Se Harry Kane, il giocatore con più gol e più assist in Premier League in questa stagione, non segna, cercherà Gareth Southgate. Con Cristiano Ronaldo è lo stesso. Ma allo stesso tempo è una pressione fantastica perché sai che questi giocatori possono risolvere una partita per te: una possibilità e mettono la palla in rete. Vinci una partita serrata, una partita tirata, una partita ai tempi supplementari. Qualsiasi allenatore pagherebbe per avere questi ragazzi dalla propria parte”.

Romelu Lukaku

“Penso che sia il grande momento per lui per dire al mondo: “Sono qui e sono uno dei migliori attaccanti”. Questi due anni all’Inter gli hanno dato la statura e la fiducia in se stessi che prima non aveva. Al Chelsea era ancora un ragazzino. Al Manchester United, era ancora in fase di sviluppo. All’Inter è diventato il top man. È diventato amato: un grande amore dai tifosi, l’amore dai compagni di squadra, ottimi rapporti con l’allenatore. È un ragazzo fisicamente così forte, ma c’è anche un bambino dentro che ha bisogno di quell’amore, ha bisogno di quel supporto, ha bisogno di sentirsi importante. Questo periodo dell’Inter gli ha dato tutto, soprattutto vincendo lo scudetto dopo tanti anni. Ha alzato il suo gioco basandosi su questo lato emotivo delle cose. Ora è un giocatore molto migliore. Per lui è più facile fare il passaggio in Belgio perché gioca lo stesso sistema dell’Inter. È un déjà vu, e Lukaku è cresciuto tatticamente. È un grande momento per dimostrare al mondo la sua evoluzione. Non c’è dubbio che segnerà gol e lotterà per la Scarpa d’Oro. Nel calcio moderno, l’area di rigore diventa un campo minato. Ogni squadra che gioca cinque, sei partite avrà sempre un paio di rigori”.

Cristiano Ronaldo

“Che dire? Ha 36 anni ed è stato ancora comodamente il capocannoniere della Serie A la scorsa stagione con 29 gol con la Juventus. Questo ti dice quanto abilmente abbia adattato il suo gioco da attaccante. Non lo vedi allargarsi con la palla a destra o a sinistra, fare diagonali e attaccare con quei dribbling, ma può ancora risolvere le partite e segnare molti gol. La sua efficienza nella rifinitura è incredibile. Il Portogallo ha altri giocatori creativi: Diogo Jota, Bernardo Silva e Bruno Fernandes. Cristiano, soprattutto in nazionale, gioca da numero 9 con un po’ di libertà di movimento. Un giocatore come Ronaldo sarà sempre protagonista, al centro dell’attenzione. Gli altri giocatori lo sanno. La domanda è come lo sentono. In senso positivo o negativo? Lo provano con gelosia: “Non è giusto, siamo una squadra, stiamo lavorando sodo e tutta l’attenzione va a una stella?” Oppure possono interpretarlo positivamente, che la pressione è sull’altro e io sono più libero di fare il mio gioco. Queste stelle sono una via di fuga per gli altri. Nella squadra portoghese, il leader è lui, l’uomo principale, il ragazzo che attira tutta l’attenzione e c’è una tale differenza di status che sento davvero che non c’è un solo giocatore che pensa che dovrebbe essere diversamente. Lo accettano tutti. Si sentono tutti protetti da questa aura che circonda Cristiano ed è una cosa molto buona per una squadra. Forse quando se ne andrà avremo un periodo in cui l’ego combatterà: chi è il prossimo, il prossimo capitano e il prossimo protagonista? Abbiamo alcuni giocatori che possono lottare per questo. Immagino che la squadra polacca con Robert Lewandowski sia in una situazione simile. Il problema non è quando c’è Cristiano ma quando non ci sarà”.

Karim Benzema

“Penso che il miglior complimento che puoi fargli sia che Cristiano fosse innamorato di Benzema al Real Madrid. Per Cristiano essere innamorato di un altro attaccante significa che fa molto per Cristiano e fa molto per ogni attaccante che gioca intorno a lui. Probabilmente è l’unico numero 9 che conosco a non essere egoista nel suo gioco. Karim è un ragazzo molto dolce. È molto calmo. È davvero un uomo di squadra. In questo senso posso paragonarlo a Harry Kane. Direi che Harry segna più gol, probabilmente ha più di quell’istinto da attaccante killer. Ma Karim è assolutamente fantastico e quando guardi la squadra francese e immagini Antoine Griezmann e Kylian Mbappé che giocano con Benzema, penso che possa essere qualcosa di grandioso. Mbappé è molto, molto veloce, Griezmann ha un’incredibile capacità di tiro e arriva dietro l’attaccante e tra le linee, e il modo in cui Karim interagisce con gli altri è fantastico. Sta invecchiando ma il suo corpo sembra più giovane. Si prende una cura incredibile della sua salute. La sua vita è cambiata molto da quando era un ragazzo fino ad oggi. È un professionista fantastico. La Francia ha fatto grandi cose senza di lui – erano campioni del mondo e hanno raggiunto la finale degli Europei nel 2016 – quindi ora che l’allenatore lo riporti indietro è perché è sicuro al 100% che funzionerà”.

Harry Kane

“La cosa buona di questi giocatori è che sono anche molto intelligenti. Capiscono molto bene il calcio e capiscono dove possono influenzare di più il gioco. Harry Kane può essere qualsiasi cosa. Se gioca con ali a cui piace attaccare lo spazio, sente chiaramente che il modo in cui può influenzare di più il gioco è quello di andare in profondità e lasciare che altri attacchino per poi arrivare in area in una fase successiva. È un ragazzo a cui piace dialogare con gli allenatori e sono sicuro che lui, Gareth Southgate e Steve Holland abbiano un’ottima comunicazione. L’Inghilterra può giocare con ali come Raheem Sterling e Marcus Rashford, ragazzi veloci, o con Mason Mount, Phil Foden e Jack Grealish, che sono completamente diversi. Harry ha le conoscenze tattiche per adattarsi. Queste grandi stelle brilleranno? Credo di sì. Hanno ego. Hanno ambizioni individuali, non c’è dubbio. Ma soprattutto nelle nazionali con una gara breve di un mese e un obiettivo chiaro per il Paese, è un habitat dove ci sono meno ego, meno pensieri su se stessi e sono più che mai pronti a tutto per il proprio Paese. Se chiedi loro se scambieranno la Scarpa d’Oro con il trofeo di Euro 2020, tutti diranno: “Sì, 200 per cento”. Penso che lo spirito sia in ognuno di questi grandi attaccanti. Hanno ambizioni individuali, ma non è affatto una brutta cosa. Queste squadre hanno bisogno di segnare e questi ragazzi vivono di gol. La loro reputazione è molto legata agli obiettivi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA