Daniele De Rossi

AS ROMA NEWS JUVENTUS DE ROSSI«Sono orgoglioso dei miei ragazzi: non molte ore fa eravamo tutti incerottati giovedì a commentare una partita molto intensa con il Leverkusen, invece con la Juventus abbiamo finito in crescendo di fisico e di testa», riferisce il Corriere della Sera.

Daniele De Rossi, al termine del pareggio contro la Juventus che complica la corsa Champions – l’Atalanta è dietro 3 punti ma ha 2 partite in meno – è soddisfatto della prestazione, non del risultato. «Sono orgoglioso di come i ragazzi si siano impegnati, i pareggi non ci vanno bene, ma sono contentissimo dell’approccio anche quando non giochiamo bene. È stata una bella partita, la Juventus è veramente forte, hanno giocatori eccezionali: va dato merito agli avversari».

La sostituzione, al termine del primo tempo, di Dybala ha fatto preoccupare i tifosi. «Ha sentito un fastidio all’adduttore, dice che non è niente di grave ma lo valuteremo nei prossimi giorni. Sono contento di lui, di come si muove, mi piacciono le squadre con gli esterni rapidi ma lui ha altre caratteristiche e per quelle va sfruttato».

È stata una partita con molte occasioni da gol, da entrambe le parti. «Volevamo vincere sia noi che loro, erano partiti forte nel secondo tempo ma nella parte finale li abbiamo chiusi in area. Quando subiamo un’occasione da gol ci spaventiamo un po’, era già successo col Napoli e col Leverkusen: è un piccolo difetto che dobbiamo migliorare e ci stiamo lavorando. Weah? Doveva essere espulso, meritava il secondo giallo».

Domenica a Bergamo lo scontro decisivo per la Champions. «Avremo solo un risultato, il recupero dell’Atalanta contro la Fiorentina per loro sarà una finale, giocarla così tardi falsa il campionato e ci fa fare dei calcoli diversi». Giovedì a Leverkusen servirà un’impresa. «Ci dobbiamo credere e pensare come se fosse facile, nei primi minuti all’andata siamo stati bravi, abbiamo avuto delle occasioni. Non dobbiamo recuperare cinque gol, sono solo due: ho chiesto consiglio anche ad Allegri, mi ha detto che non serve fare gol subito, possiamo farlo anche al sessantesimo. Dobbiamo essere energici ma anche intelligenti».

Per Lukaku quello di ieri è stato il 300° gol in carriera con i club: 87 con l’Everton, 78 con l’Inter, 42 col Manchester United, 41 con Anderlecht, 20 in giallorosso, 17 col West Bromwich Albion e 15 col Chelsea. Giornata di festa per la Roma femminile, che prima ha superato 4-3 l’Inter nel match di campionato, e poi ha goduto il festeggiamento dell’Olimpico con un giro di campo nell’intervallo.



FOTO: Credit by Depositphotos.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LEGGI TUTTOCALCIOWEB.INFO

🚨SEGUICI IN DIRETTA🚨