Paulo Fonseca

ROMA-SPEZIA 2-4 FONSECA – Paulo Fonseca, allenatore della Roma, ha commentato la sconfitta della Roma negli ottavi di finale di Coppa Italia contro lo Spezia per 4-2. Queste le sue parole:

PAULO FONSECA A RAI SPORT

Come spiega l’errore nei supplementare?
Se c’è un problema lo discuteremo all’interno.

Ci si aspettava una Roma con il sangue agli occhi, veemente però eravate già sotto. Come mai?
Abbiamo avuto un inizio di partita difficile, poi la squadra ha reagito creando occasioni per ribaltare il risultato. Abbiamo sbagliato tanti gol e con due giocatori in meno è stato duro

Come si reagisce ora?
Volevamo andare più avanti in coppa, non posso dire nulla sull’atteggiamento dei ragazzi. Pensiamo alla prossima partita.

Non ha mai pensato nel corso della ripresa di far giocare assieme Dzeko e Mayoral?
Abbiamo creato molte situazioni. Penso che la partita con la Lazio, quando ho cambiato e abbiamo iniziato a giocare con due attaccanti la squadra non è stata bene. Con il nostro sistema abbiamo creato tanto, non è quello il problema.

Non le sembra che nove gol subiti in tre partite siano troppi per una squadra in quella posizione? Spesso i difensori sembrano forzare troppo la giocata.
Siamo una squadra che vuole giocare sempre la palla. Possiamo vedere che questi gol presi non sono usciti da problemi di costruzione.

Guardando Cristante giocare difensore centrale spesso è in difficoltà quando non è in possesso palla. Perché insistere lì con Cristante?
Undici contro undici lo Spezia non ha creato molto, Cristante è stato bene difensivamente. Contro una squadra che pressa alto come loro la sua qualità di uscita è importante e lui ha fatto una grande partita.

La Roma contro le altre big prende imbarcate e non riesce a reagire. Come mai? Le mancano dei leader?
Esiste un problema di mentalità che la squadra ha avuto nelle gare contro Atalanta, Napoli e Lazio. Il gruppo non ha avuto la forza mentale per cambiare le cose, oggi però i ragazzi hanno dimostrato la voglia di reagire. Siamo in un momento difficile, ma loro hanno dimostrato di essere forti. Quello che abbiamo creato nei novanta minuti era sufficiente per vincere.

Si aspetta qualcosa dal mercato? Si sente in discussione?
Sono in discussione dal primo giorno che sono arrivato qui. In campionato siamo nella posizione che vogliamo. Ogni volta che non vinco sono in discussione, devo rimanere focalizzato sul mio lavoro.

Dal mercato si aspetta qualcosa?
Stiamo lavorando, abbiamo un direttore sportivo che parlerà al momento opportuno.

PAULO FONSECA A ROMA TV

Ci sono state tante partite dentro una sola gara, la avete quasi recuperata.
Abbiamo preso subito due gol, una situazione che potevamo evitare. Penso che poi la squadra abbia reagito bene, recuperano e creando tante situazioni per finire i 90 minuti con un risultato diverso. Nei supplementari con due giocatori in meno è stato difficile.

La squadra stava cercando di riprendersi.
Ho sentito sempre i ragazzi con tanta voglia di cambiare la partita. Abbiamo avuto diverse occasioni chiare per chiuderla.

Come spiega l’atteggiamento della squadra nel primo quarto d’ora?
Onestamente non credo sia stato un problema di atteggiamento. La squadra è entrata con voglia di cambiare il momento, ma questi due episodi hanno cambiato la partita. Dopo la squadra ha mostrato una buona attitudine, abbiamo creato occasioni per ribaltare il risultato e anche in 9 la squadra ha lottato.

Perché non ha fatto entrare un po’ prima Dzeko?
Mayoral stava bene e stava creando opportunità. Nel secondo tempo abbiamo creato tanto per cambiare il risultato, Borja non ha segnato ma ha fatto una buona gara.

Tanti mesi di lavoro per costruire un’identità e delle certezze che sembrano svanite in 5 giorni: perché è successo secondo lei?
Siamo al quarto posto con 34 punti che, sul campo, sono 35. Siamo dentro i nostri obiettivi, la sconfitta con la Lazio è stata difficile ma la squadra ha reagito bene. Ho fatto diversi cambi, ma la squadra ha dimostrato di voler reagire dopo il derby. Oggi abbiamo sbagliato troppi gol e prendendone due all’inizio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA