Luciano Spalletti

AS ROMA NEWS NAPOLI SPALLETTI – «Di Mourinho apprezzo molto quella capacità di farti arrivare il suo pensiero. In questo mi ricorda molto mio fratello Marcello. È un uomo che si avvia a diventare una leggenda. Tutti scrivete che non l’ho mai battuto ed è vero. Per vincere una sfida con lui bisogna battere una leggenda».

Luciano Spalletti elogia il collega mai superato e anche Roma («Ho vissuto lì un periodo splendido») ma domani questo avversario preoccupa, perché è fra i più in forma e bisogna trovare le giuste contromosse per batterla e continuare un sogno scudetto in cui Spalletti crede, scrive La Gazzetta dello Sport.

La piazza chiede di vedere titolari Mertens e Osimhen insieme. Ma non è questo il pensiero dell’allenatore: «È possibile vederli. C’erano anche domenica. Quando eravamo alla pari e ci siamo allungati, loro c’erano… Accetto l’idea dei tifosi ma io devo pensare agli equilibri della squadra». E qui c’è anche la difesa dei centrocampisti più giù di corda domenica contro la Fiorentina. «Fabian l’ho visto molto meglio in allenamento. Ha meno fastidio ed è fra quelli che può partire titolare. A me anche Zielinski pare che stia bene, la brillantezza l’ho vista. Zielu è molto forte e si collocherà nei giocatori top”.

Sulla squadra che subisce troppi gol ultimamente ha le idee chiare: «La fase di possesso è la nostra forza, quando lasciamo il pallino agli avversari rischiamo di più ed è quello che è successo. Siamo stati meno bravi nella fase di possesso. E poi con la Fiorentina abbiamo preso gol che non dovevamo prendere». Dopo 10 mesi di Napoli Spalletti ha un cruccio: «C’è qualcosa che mi dà da pensare e più delle altre mi dà fastidio: queste partite casalinghe in cui potevamo saltare addosso alla classifica e non ci siamo riusciti». E domani si gioca al Maradona.

FOTO: Credit by Depositphotos.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SCARICA L'APP DI ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID