Josè Mourinho

AS ROMA NEWS BETIS MOURINHO EUROPA LEAGUE – Adesso è francamente dura. Almeno per il primo posto, almeno per la qualificazione diretta. Ma Mourinho non vuole sentir parlare di bandiera bianca, scrive La Gazzetta dello Sport. “Dobbiamo essere realisti, il primo posto non è più il nostro obiettivo – dice il portoghese –. Dobbiamo pensare al secondo posto, con il rischio di prendere una squadra forte che scende dalla Champions. Ma tra questa opportunità e il fatto di finire terzi o quarti e uscire dal torneo io scelgo la prima ipotesi. Alla fine sarà decisiva l’ultima gara, quella con il Ludogorets”.

Insomma, quel gol finale complica tutto. Anche perché la Roma le occasioni per vincere le ha avute. “Loro hanno più qualità tecnica di noi e lo hanno dimostrato, nel primo tempo ci hanno messo in difficoltà – continua Mourinho –. Ma la sconfitta fa male, perché nonostante questo abbiamo avuto più opportunità: la traversa di Zaniolo, la parata su Dybala, poi le due occasioni del secondo tempo, in particolare quella di Cristante. E l’altra contraddizione è che abbiamo preso gol mentre loro pensavano a gestire. Il pareggio sarebbe stato più giusto”.

E intanto Mou perderà altri giocatori: su Celik, non ci sono sensazioni positive. “Per esperienza penso che avremo brutte notizie, vista la torsione del ginocchio. Siamo sfortunati”. Non su Zaniolo, però, che il rosso se l’è andato a cercare. “Nicolò qualcosa ha fatto di sicuro. Peccato solo che non abbiano visto il giallo iniziale a Pezzella, che avrebbe poi portato al suo rosso”.

Dispiaciuto è anche Dybala, al suo sesto gol stagionale. “Ci dispiace per il risultato, ma ho visto è rivisto l’intervento di Bravo. Ha fatto una grande parata”. Per quello che lo riguarda, sembra sereno. “Mourinho e i compagni mi hanno integrato subito all’interno del gruppo. Poi siamo noi che dobbiamo imparare a gestire meglio i momenti e le emozioni. Il mister mi dà fiducia. Lui e Allegri? In alcune cose sono simili e in altre no. Con Mourinho parlo più spesso, ci confrontiamo tanto. Ma alla Juve nell’ultimo periodo non mi è mancato il confronto con Allegri. Ognuno ha le sue idee. Qualche volta non andavamo d’accordo, ma quello che conta è il campo. Non litigavamo tutti i giorni ovviamente, Allegri mi ha dato tantissimo”.



FOTO: Credit by Depositphotos.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LEGGI TUTTOCALCIOWEB.INFO

🚨SEGUICI IN DIRETTA🚨