Eusebio Di Francesco

(Il Messaggero – S. Carina) «Deve essere un punto di ripartenza». L’incipit iniziale di Di Francesco la dice lunga sul 5-2 di ieri sera. La Roma vince in rimonta, torna al quarto posto in classifica superando la Lazio, segna per la prima volta in campionato 5 reti, ma i fischi dell’Olimpico alla fine del primo tempo (con il punteggio ancorato sull’1-1) e la squadra in difficoltà sino al 2-1 di Dzeko, Eusebio non se li è dimenticati: «Siamo partiti con l’handicap. In alcuni momenti eravamo in ritardo con le uscite e molto lenti della manovra. Quando abbiamo velocizzato sono venute le cose migliori. Nei primi 45 minuti facevamo sempre due o tre tocchi in più, cercando poco gli spazi. Le cose sono migliorate nella ripresa». Nonostante l’enfasi di chi lo invita in tv ad esaltarsi per questo successo, Eusebio tiene i piedi ben saldi a terra, consapevole che la Roma ha ancora più di un problema. La difesa, ad esempio, non appare più granitica come un mese fa. Il Benevento che sino a ieri sera aveva segnato appena tre gol in trasferta (di cui 1 su azione), di colpo ne ha fatti due: «Sì i due gol presi mi danno molto fastidio», glissa il tecnico. Che però si rincuora con le reti dei suoi attaccanti: «Sulla qualità del gioco posso dire che tante volte abbiamo creato tanto e raccolto poco. Anche col Benevento abbiamo prodotto, poi cambiando qualcosa la squadra si è districata meglio. E’ importante il gol per Edin e per Defrel, che si mette sempre a disposizione. In campo i ragazzi hanno voluto che battesse lui il rigore, fa capire la considerazione che il ragazzo ha nello spogliatoio. Dzeko? Lui vive per il gol, avete visto dopo che ha segnato come è riuscito ad aiutare i compagni. Ha grandi mezzi, spesso si fa influenzare psicologicamente se non segna e non deve accadere».



FOTO: Credit by Depositphotos.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LEGGI TUTTOCALCIOWEB.INFO

🚨SEGUICI IN DIRETTA🚨