Pedro

ULTIME NOTIZIE AS ROMA BOLOGNA PEDROE’ una Spagna dominante quella che Fonseca rilancia in campionato. Destini diversi degli attaccanti, storie differenti, scrive Il Messaggero. Pedro, bene all’inizio da titolare, poi da dicembre non è più lui; Perez compare nei momenti di emergenza, quando i big non sono disponibili, a gennaio doveva essere ceduto. Infine Mayoral, il bomber vero: quattordici reti fin qui, sette in campionato (come il più blasonato Dzeko) e sette in Europa League, nella quale recita il ruolo di capocannoniere.

Nella storia della Roma, di spagnoli non ne avevamo visti tanti, questo è un gruppetto anomalo (contando anche Villar, che non è un attaccante). Tra i giocatori spagnoli, ecco quelli che anno segnato più di sette reti con la maglia giallorossa: Borja Mayoral, appunto (che ieri grazie alla sua rete ha riscritto il nome di un attaccante nel tabellino, l’ultimo è stato Pedro dieci giornate fa), Peiró nel 1966-67 che concluse l’anno con 9 reti e Bojan nel 2011-12 che si fermò a 7 nell’anno di Luis Enrique, spagnolo (tecnico, però) anche lui. La Roma sta pensando di riscattare Mayoral, magari confermando il prestito per un altro anno. Lui ha dichiarato di trovarsi bene qui.

Borja spera di trovare spazio anche giovedì con l’Ajax ma le scelte con il Bologna (Dzeko in panchina) fanno pensare al contrario. Spagnolo non attaccante, protagonista ieri, Villar che ha perso un pallone e costretto Pellegrini a un fallo da ammonizione (era diffidato, salta il Torino). Lorenzo si è infuriato con il suo compagno, reo di giocare con troppa leggerezza il pallone. Troppo innamorato. Segno di personalità, si dice. Sì ma poi in certi casi la squadra ne paga le conseguenze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA