Josè Mourinho

ULTIME NOTIZIE AS ROMA MOURINHO – Tutti per uno, uno per tutti. Sei parole che racchiudono in pieno la filosofia e il punto di forza della Roma di José Mourinho, che ha già catturato cuore e mente dei suoi giocatori, scrive Il Tempo. La vittoria con il Sassuolo è la fotografia perfetta del lavoro – apparentemente invisibile – che il portoghese e i suoi collaboratori stanno mettendo in pratica dal giorno del loro insediamento a Trigoria.

A fare la differenza durante la gara con gli emiliani sono stati i cambi di Mou, che ha rivoluzionato l’attacco buttando dentro El Shaarawy, Carles Perez e Shomurodov. Tutti e tre non hanno tradito le aspettative del tecnico e il loro contributo si è rivelato determinante per portare a casa i tre punti. 

Carles Perez sembra essersi finalmente convinto dei suoi mezzi e di avere le capacità per dire la sua in un progetto ambizioso, il Faraone ha ritrovato fiducia in sé stesso – basti notare il suo sguardo quando viene chiamato in causa – ed è convinto di potersi giocare le proprie carte per ritagliarsi uno spazio importante nella speranza di convincere Mancini a convocarlo di nuovo in azzurro mentre Shomurodov è consapevole di avere a disposizione un’occasione unica per affermarsi ad alti livelli.

Al di là degli obiettivi personali però, il filo conduttore che unisce gli uomini agli ordini di Mourinho è il bene della squadra. Come ripete spesso il tecnico “questo non è il mio progetto o quello dei Friedkin, ma il progetto Roma“. Una frase che potrebbe sembrare scontata soltanto a chi non ha ancora assistito ad una partita dei giallorossi, che rispetto al passato scendono in campo con un piglio diverso. 

Il senso di appartenenza che Mourinho è riuscito ad infondere nello spogliatoio è reale: e non soltanto per la mini rissa vista contro il Porto durante il ritiro in Portogallo o per come i giocatori si sono schierati a difesa l’uno dell’altro durante l’amichevole con il Betis. La sensazione è che, più che un gruppo, lo Special One stia pian piano creando una piccola famiglia all’interno del Fulvio Bernardini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA