Josè Mourinho

CALCIOMERCATO AS ROMA – Il lavoro di Pinto si complica, scrive Il Messaggero. Anche Nzonzi, infatti, non sarà riscattato dal Rennes. Il francese si aggiunge a Olsen, Under, Florenzi, Kluivert già tornati a Trigoria dai rispettivi prestiti.

Al momento le uscite degli svincolati Mirante. Bruno Peres, Juan Jesus e Farelli non bastano e se non si cede gli acquisti ritardano. Infatti le trattative in entrata vivono un momento di stallo benché siano ben avviate sia quella che per Xhaka che per il portiere (Rui Patricio o Gollini). I 5 calciatori rientrati a Trigoria servono per far cassa.

Obbligatorio Nzonzi che ha soltanto un anno di contratto. Il francese figura a bilancio ancora per 7,6 milioni di euro ed è difficile che ci sia un club pronto a spendere tale cifra per lui. Il centrocampista è già diventato un problema, come Pastore. El Flaco non ha rinnovato l’iscrizione alla scuola di Ponte Milvio per i figli e l’intenzione è quella di tornare in Argentina. In patria non c’è nessuna squadra che può soltanto avvicinarsi ai 4,5 milioni netti che percepisce a Roma. Per salutare chiede una sostanziosa buonuscita.

Inoltre rimane da risolvere la questione Dzeko che blocca l’arrivo di un centravanti. A 16 giorni dall’inizio del mercato la Roma si trova con una rosa extralarge. Conoscendo Mourinho la strada è segnata: chi non fa parte del progetto lavorerà a parte. L’obiettivo è di rimanere con 22 elementi: 18 “adulti” e 4 della Primavera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA