Paulo Fonseca

ULTIME NOTIZIE AS ROMA SPEZIA FONSECA – La Roma conquista la Conference League ma non c’è poi tanto da festeggiare. L’ultima partita di Fonseca, infatti, ha rischiato di chiudere nel peggiore dei modi un’annata che resta mediocre. A determinare il settimo posto ai danni del Sassuolo è la differenza reti tant’è che a 5′ dalla fine i giallorossi erano fuori da tutte le competizioni europee, scrive Leggo.

Il 2-2 riacciuffato nel finale con lo Spezia già salvo è arrivato con una svista arbitrale (presunto fallo di Dzeko su Capradossi) e dopo i miracoli di Fuzato che ha impedito a più riprese il tris ligure. Il primo tempo è stato tragico con gli errori macroscopici di Darboe, Cristante e Kumbulla che hanno permesso prima il vantaggio di Verde, poi il bis di Pobega.

Nella ripresa il copione non cambia più di tanto. Per fortuna c’è Fuzato poi si sveglia Mkhitaryan che questa settimana dovrebbe firmare il rinnovo: Prossimo anno faremo meglio. L’armeno pareggia all’85’ dopo che El Shaarawy aveva accorciato le distanze. Tante le proteste dello Spezia per un rigore negato nel primo tempo e per il fallo di Dzeko in occasione del pareggio.

La Roma si gode in silenzio il 7° posto e i 20 milioni derivanti dalla prima partecipazione alla neonata competizione che vedrà impegnato pure il Tottenham. Dallo Spezia (in coppa Italia) a La Spezia Fonseca si è tenuto una panchina obbligata in questo 2021. Il rapporto era logoro da tempo e pure nell’ultima partita sono tanti gli errori: dall’esclusione di Dzeko a Reynolds a sinistra.

Ora è tempo di lasciare il timone a Mourinho che avrà un bel da fare. Era l’obiettivo minimo. Sono cresciuto allenando la Roma, il calcio italiano non è facile per gli stranieri. Oggi posso dire che sono un altro allenatore. E’ stato un onore allenare questa squadra, saluta Fonseca. Sul futuro: Fiorentina? Non posso dire niente, tra una settimana saprete.

© RIPRODUZIONE RISERVATA