Francesco Totti

ULTIME NOTIZIE EURO 2020 ITALIA TURCHIA TOTTI NESTA – In un pugno di minuti, mentre i calciatori si prepareranno a uscire dagli spogliatoi, si partirà con la cerimonia di apertura. Il concetto che ha ispirato la Filmmaster e il suo direttore creativo Adriano Martella è quello del volo: ci saranno una ballerina «aerea» e dodici percussionisti intorno al tetto dello stadio, quindi il grappolo delle 24 maxi sfere che con i loro colori rappresenteranno le 24 nazionali di questa fase finale, volerà verso il cielo, scrive La Gazzetta dello Sport.

Ma il conto alla rovescia della cerimonia, subito dopo il filmato celebrativo della storia dell’Europeo, avrà due ciceroni speciali. Uno è Francesco Totti. Sì, proprio lui, che per l’Europeo significa il mitico cucchiaio della semifinale con l’Olanda, ma che da queste parti rappresenta tante altre cose.

Sono passati quattro anni e due settimane dallo struggente addio al calcio di quel giorno, il giorno di “tempo, maledetto tempo” che non soltanto i romanisti hanno scritto nella memoria. Sarà lui a dare il benvenuto a questo Europeo che vuole volare dopo mesi e mesi in cui la pandemia ha costretto la maggior parte di noi a rimanere a terra. E per dare il benvenuto ci sarà pure un altro mito dello stadio, questa volta sul versante laziale: Alessandro Nesta.

Pure la colonna sonora attraverserà diverse epoche, perché per arrivare “fuori dalle rovine dell’odio e della guerra”, ancora parole dell’inno, l’Europa ha compiuto un lungo viaggio. La Banda Musicale della Polizia di Stato suonerà il “Guglielmo Tell”, mentre Andrea Bocelli canterà il “Nessun dorma”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA