Dzeko vuole salutare con i gol e come erede spunta Benedetto

Edin Dzeko

Ormai non resta che affidarsi alla cabala. Il 28 aprile Dzeko festeggerà l’amaro anniversario di un anno senza gol in campionato all’Olimpico (ultima volta doppietta al Chievo). Per evitare questo triste primato, al bosniaco rimangono due gare per sbloccarsi: contro l’Udinese e il Cagliari.

Dal suo arrivo in Italia, contro i friulani ha sempre segnato una rete nei precedenti incroci casalinghi dove la Roma ha sempre avuto vita abbastanza facile (3-1, 4-0 e 3-1). La querelle contrattuale ha pesato e continua a non lasciare tranquillo Edin nonostante i tentativi di rassicurazione operati da Massara.

Dzeko ha capito che la Roma non gli rinnoverà il contratto. Da settimane il West Ham s’è fatto vivo ma il bosniaco attende un segnale deciso dall’Inter, ferma per ora al semplice sondaggio. Qualcosa di simile è andato in scena tra Roma e Boca Juniors per Benedetto, centravanti del club argentino e della Seleccion. L’attaccante ha una clausola rescissoria di 21 milioni e da tempo medita il grande salto in Europa. Verso l’Udinese: confermati i miglioramenti di Florenzi che oggi tornerà in gruppo, alternando al lavoro con la squadra anche esercitazioni individuali.

APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER APPLE
APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID

© RIPRODUZIONE RISERVATA