Cappioli: “Cagliari-Roma, sfida tra le due mie donne”

180
Massimiliano Cappioli
NOTIZIE AS ROMA CAPPIOLI – Massimiliano Cappioli vive a Bali otto mesi l’anno, poi si divide tra Ibiza, Roma e la Sardegna. Cagliari gli è rimasta nel cuore, ecco perché la sfida di domani la vedrà con occhi diversi. L’ex giallorosso ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport. Cagliari-Roma per lei cos’è? “La sfida tra le mie due donne. Cagliari ha rappresentato la migliore amica, quella che ti coccola nel momento del bisogno. Roma è stata il grande amore, che quando lo incontri dici: “Ok, mo’ me fermo”. Ma non si è fermato a Trigoria. “Quando mi dissero che dovevo andare in Sardegna ci rimasi malissimo perché pensavo che la società stesse fallendo. Invece Cagliari è stata la mia fortuna, siamo passati dalla C all’Europa, ero amato e stimato”. Dopo Cagliari tornò alla Roma e realizzò il suo sogno: un gol al derby. Sono nato romanista e morirò romanista. E’ più difficile fare il tifoso che il calciatore: oggi spero che la Roma arrivi almeno quarta, con le milanesi attrezzate è dura”. Si aspettava Di Francesco allenatore? Sì, perché i centrocampisti hanno sempre un occhio diverso. De Rossi, infatti, me lo immagino in panchina. E Totti? No, troppo buono. E poi già deve combattere col cervello suo, figuriamoci con quello di altri… A parte le battute, se avesse voluto avrebbe già iniziato. Lui le cose le capisce prima, a 18 anni già sapeva che sarebbe diventato Totti. Ultima domanda: come finisce Cagliari-Roma? I miei amici sardi mi perdonino, ma vince la Roma. Una cosa è l’affetto, e io per Cagliari ne ho davvero, un’altra l’amore. APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER APPLE
APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID

© RIPRODUZIONE RISERVATA