FIGC

ULTIME NOTIZIE CALCIO JUVENTUS COVISOC – Si è parlato di Juventus e di plusvalenze, ma non solo. Anche di un sistema calcio malato che coinvolge quasi tutte le squadre di A, scrive La Gazzetta dello Sport. Sono i temi trattati da «Febbre a 90» di Daniele Autieri nella puntata di ieri di Report. La trasmissione di Rai 3 ha provato a ricostruire «la fragilità finanziaria delle società di calcio, i ritardi nei pagamenti delle tasse e dei contributi previdenziali».

L’attenzione è sulle operazioni a specchio, finite sotto la lente anche della procura di Torino, che ha indagato 7 tra dirigenti bianconeri ed ex (tra cui il presidente Agnelli, il vice Nedved e l’ex responsabile dell’area sportiva Paratici) con l’ipotesi di reato di false comunicazioni delle società quotate in Borsa ed emissione di fatture per operazioni inesistenti. Si cita il caso di Nicolò Rovella, acquistato per 18 milioni dalla Juve, che contestualmente ha ceduto al Genoa Portanova per 10 e Petrelli per 8 milioni, e di Andrea Pinamonti, prestato ai rossoblu dall’Inter nel 2019 e con obbligo di riscatto (con plusvalenza di 20 milioni) e poi riacquistato dai nerazzurri nel 2020 per 22 milioni.

La conclusione di Report è che i grandi club sono tutti in condizione di squilibrio economico nonostante il grido dall’allarme della Covisoc, che il 30 giugno aveva inviato una lettera a Gravina per spiegare che per colpa delle regole troppo bonarie per l’ammissione ai campionati esisteva il rischio concreto di situazioni di default a stagione in corso. «Un’eventualità — si legge nel documento — che potrebbe pregiudicare la regolarità della stagione». Ma la Federcalcio, è l’accusa di Report, invece di intervenire ha approvato una nota di indirizzo con cui vengono sospesi i controlli sugli adempimenti fiscali e contributivi previsti dalle scadenze federali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA