Mile Svilar

ULTIME NOTIZIE CALCIOMERCATO AS ROMA SVILAR – La Roma chiude l’affare Mile Svilar. Il portiere classe 1999 che ha il contratto in scadenza con il Benfica (arriva a parametro zero, i giallorossi pagheranno premi per la valorizzazione), ha deciso di non accordarsi con il club portoghese e di firmare un contratto con i giallorossi, scrive Il Messaggero. Per tenere saldi i rapporti tra le due società, la Roma con ogni probabilità pagherà una percentuale su un’eventuale futura rivendita. Il giocatore era finito anche nel taccuino del Barcellona che avrebbe voluto portare a Xavi un’alternativa valida a Ter Stegen.

Mile al Benfica aveva un contratto da 1 milione di euro, nei prossimi giorni sarebbero previste le visite mediche, anche se da Trigoria preferiscono tenere il profilo basso e non confermare la trattativa. Un affare che sta portando avanti Tiago Pinto, ed è stato proprio l’ex manager della società lusitana a portarlo in Portogallo nel 2017.

Grazie al Benfica, Svilar ha debuttato in Coppa di Portogallo contro l’Olhanense fino ad esordire in Champions League, proprio contro Mourinho che all’epoca allenava il Manchester United. All’età di 18 anni e 52 giorni ha battuto il record di Casillas come portiere più giovane a esordire nella massima competizione europea per club. Svilar è serbo con cittadinanza belga (è nato ad Anversa) e ha cominciato a muovere i primi passi nel settore giovanile dell’Anderlecht, grazie al club belga ha guadagnato la convocazione nella nazionale belga con cui ha giocato dagli Under 15 fino agli Under 21, salvo poi scegliere la Serbia per la nazionale maggiore (esordio lo scorso 1° settembre contro il Qatar).

Svilar è figlio d’arte, suo padre Ratko è stato portiere dell’Anversa e il secondo della nazionale jugoslava. Tutto ciò che accade nella sua carriera lascia pensare che si tratti di un predestinato, addirittura Mourinho al termine della partita tra Benfica e Red Devils si complimenta con lui: «Questo ragazzo è un fenomeno».

Un acquisto che ha anche la benedizione dello Special One che ne ha seguito l’evoluzione. Anomala la scelta del Benfica di non fare di tutto per rinnovargli il contratto e relegarlo con la squadra B, l’arrivo di Vlachodimos ha probabilmente cambiato i piani del club. E Pinto ne ha approfittato.

FOTO: Credit by Depositphotos.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SCARICA L'APP DI ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID