Gonçalo Guedes

CALCIOMERCATO AS ROMA – «Roma è dove si fanno i campioni!». Con questo messaggio ieri l’account ufficiale del The Friedkin Group ha festeggiato la vittoria della Conference League. Quasi un preludio a ciò che sarà, visto che i proprietari della Roma non vogliono certo fermarsi a Tirana, scrive La Gazzetta dello Sport.

Del resto, sarebbe bastato vederli raggianti nella pancia dell’Arena Kombetare, a notte profonda, per capire come siano ancora più carichi di prima. «Questa vittoria è un’emozione enorme – le parole di Dan Friedkin -. Sono felice che Roma sia tornata a vincere dopo tutto questo tempo. Lo meritava la città, la squadra e la tifoseria». Già, che ora sogna ancora più in grande, il che poi vuol dire una Roma da Champions.

Perché se il passo quest’anno è stato tornare in Europa League, il prossimo deve essere la Champions. Lo vuole la società e soprattutto Mourinho, che dopo il trionfo di Tirana è ancora di più il totem di Trigoria. «Ora bisogna capire cosa vogliono fare i nostri proprietari, che sono gente onestissima – ha detto Mou -. Possiamo dare seguito a questo progetto, ma va definita la direzione. Quest’anno non eravamo abbastanza forti ed esperti per centrare la Champions. Ma scritta la storia, dobbiamo pensare alla prossima stagione. Io resto al 100%. Poi posso rimanere più o meno felice, perché la mia felicità si fa lottando per traguardi importanti». Il che, appunto, vuol dire la Champions. Magari partendo dal ritiro in Algarve, come lo scorso anno, dove Mou vorrebbe tornare, nonostante un recente sopralluogo in una località austriaca vicino a Klagenfurt.

Ecco perché la Roma sta già lavorando da un po’ su alcuni giocatori, per rinforzare una rosa che se è vero che ha vinto, è anche vero che ha mostrato dei limiti. Come confermato dai Friedkin anche al premier albanese Rama, in questi giorni. «Stiamo sistemando i conti e vogliamo acquistare grandi giocatori, di profilo internazionale», le parole dei proprietari giallorossi. E al netto del ritorno di Spinazzola (il primo vero acquisto per il prossimo anno), dal mercato estivo arriverà almeno una pedina nuova per reparto.

A cominciare dalla difesa, dove gli occhi sono sempre fissi su Marcos Senesi, il centrale argentino del Feyenoord che anche a Tirana ha dimostrato le sue qualità: bravo in impostazione, di piede mancino, profilo di cui Mou va a caccia. Poi in mezzo Douglas Luiz, in pole tra i possibili centrocampisti, con il contratto in scadenza tra un anno (all’Aston Villa è arrivato Kamara dal Marsiglia). Il brasiliano costa, circa 30 milioni di euro, ma ha 24 anni e prospettive future. Nel borsino giallorosso è avanti a Xhaka (Arsenal) o Xeka del Lille, che ha il vantaggio di svincolarsi a luglio. Ma in mezzo piacciono anche Matic, con cui Mou ha un rapporto speciale e che può arrivare a parametro zero, e Maxime Lopez, che però ha struttura fisica non eccelsa.

Davanti, invece, molto dipenderà dalle situazioni di Zaniolo e Mkhitaryan. Di certo c’è che resta forte l’interesse per il portoghese Guedes del Valencia, uno che sa saltare l’uomo con una discreta facilità e ha la capacità di creare spesso e volentieri la superiorità numerica. Anche qui la valutazione è alta, 30-35 milioni, ma c’è anche un contratto in scadenza tra 12 mesi su cui fare leva per abbassare il prezzo. Oltre che il rapporto personale con Mou, con cui Guedes condivide l’agenzia.

FOTO: Credit by Depositphotos.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SCARICA L'APP DI ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID