Alisson

(Gazzetta dello Sport – C. Zucchelli) Tre gol fatti, nessuno incassato: nella settimana in cui si ferma Dzeko, la Roma trova comunque nove punti. E tre marcatori diversi: Kolarov con il Torino, Perotti con il Crotone e El Shaarawy con il Bologna (gara trasmessa nella ripresa sui maxischermi dello stadio), e mantiene sempre la stessa saracinesca difensiva. Quello contro la squadra di Donadoni è il terzo uno a zero di fila, ed è quindi la terza volta di fila che Alisson non prende gol. È successo otto volte in questa stagione e, limitandosi solo al campionato, nell’ultimo mese i giallorossi hanno incassato soltanto una rete dal Napoli. E infatti, lasciando lo stadio, più di qualche tifoso diceva: «Ma non è che invece che a Zeman, Di Francesco somiglia a Capello?».

CAPELLO E MOU – Il paragone è di quelli illustri, visto che Capello è stato l’ultimo a vincere lo scudetto a Roma, Di Francesco era un suo giocatore e forse anche da lui avrà imparato ad essere cinico. È già successo quattro volte in questo campionato (nessuna squadra ha vinto più partite per 1­0) e il settimo clean sheet in campionato vale anche un’altra soddisfazione, visto che nei 5 maggiori campionati europei solo lo United ha mantenuto la porta inviolata per più partite, 8. Non solo: erano 4 anni, cioè dal 2013/­2014, che la Roma non partiva così bene in campionato. Era l’anno del record di Garcia. Di quella squadra oggi ci sono solo De Rossi, Strootman e Florenzi, in campo, e Castan, in panchina. Per il resto, tutti nuovi, e tra i nuovi c’è anche Alisson, che dopo un anno di attesa si sta prendendo le luci della ribalta: «La scorsa stagione non è stata semplice, ma ora è passato. Penso solo a me e alla squadra, conosco il mio potenziale e quello di tutti, ci alleniamo bene e in partita sappiamo quello che dobbiamo fare ­ha detto il portiere. La parata che ho fatto su Masina è tra le più complicate, ma se prendiamo pochi gol non è solo merito mio. I compagni mi aiutano tanto, tutti lavoriamo alla fase difensiva e gli attaccanti tornano tanto. Il nostro è un atteggiamento di gruppo». Proprio come piace a Di Francesco e piaceva a Capello.

© RIPRODUZIONE RISERVATA