Possesso palla e aggressione: così DiFra studia trappole

203
Eusebio Di Francesco

(Gazzetta dello Sport – M. Cecchini) Raccontano che in principio ci sia stato Cruijff, poi sia venuto Van Gaal e infine il Verbo sia stato definitivamente dispensato al mondo da Guardiola. Parliamo dell’addestramento principe sul possesso palla, che caratterizza da tanti anni il gioco del Barcellona. I Padri Nobili, però, non spaventano la Roma, perché nel centro tecnico di Coverciano è nozione comune che l’allenatore italiano che sappia sviluppare meglio questo tipo di esercitazione – anche per lavorare sulle contromosse – è Eusebio Di Francesco, che infatti ieri a Roma Tv ha illustrato alcune delle sue idee. «Il primo pensiero è sempre quello di far morire il prima possibile il gioco degli avversari – spiega l’allenatore giallorosso, che col Sassuolo lo scorso anno ha battuto 3-0 in casa l’Athletic Bilbao di Valverde, perdendo al ritorno 3-2 -. La riconquista della palla alta e le transizioni diventano determinanti per far male all’avversario».

LEZIONE VISCIDI – Il vangelo laico su un lavoro del genere, in Italia, è quello di Maurizio Viscidi. Si chiama: «Giochi di posizione» ed è ormai tradotto in diverse lingue perché in quel volume il 56enne coordinatore delle Nazionali giovanili – nonché docente a Coverciano – spiega bene gli esercizi utili. Sul possesso palla, quello a più ampio respiro è il 7 contro 7, con 3 giocatori jolly che sono sempre in appoggio di chi tiene palla. Ci sono alcuni concetti di base: passaggi precisi, forti e rasoterra, smarcamenti e controlli orientati. I giocatori, poi, devono mantenere le posizioni di base e far scorrere la palla dall’alto verso il basso e in modo orizzontale (ad esempio: centrale difensivo, terzino, esterno alto, centravanti e viceversa), appoggiandosi anche sui jolly di centrocampo per i triangoli. La differenza col «possesso caos» sta appunto nel non muoversi dalle posizioni di base per cercare di evitare la riconquista che, a differenza del torello, non si ottiene solo nel toccare la palla ma nell’entrarne in possesso. A quel punto i jolly appoggiano i nuovi «padroni» e si ricomincia.

PROFONDITA’ – Ecco, in questi giorni Di Francesco ha lavorato molto in questo senso, applicando però una variante consigliata che non sempre si vede nel calcio spagnolo, spesso sterile nel possesso. Al 10° tocco da parte di un giocatore diverso, infatti, è necessario che le punte cerchino la profondità e vadano a fare gol in una delle porticine piazzate ai limiti di ciascuna area di rigore. Perciò, a differenza di quanto solitamente succede nel Barcellona, a volte alla Roma viene prevista anche la verticalizzazione con palla alta, soprattutto quando si è riconquistata la palla in una zona interessante. Per farlo occorre un’aggressione coordinata del portatore di palla, con i giocatori pronti a scalare su quelli più vicini, correndo però il rischio di lasciare liberi quelli lontani dal pallone. «Ovviamente occorre scegliere i tempi giusti, cercando di indirizzare le pressioni. Riuscire a venir fuori da un’aggressione può creare parità numerica, e quando si va in attacco, bisogna cercare di isolare la fascia che scegli, creando l’uno contro uno». Naturalmente con tali principi i rischi non mancano. «Sapete cosa fa impaurire maggiormente un calciatore? Se va a fare pressione e magari non riesce a farla bene, viene un po’ di timore. Ma è l’errore più grande. La forza sta nell’andare a rifarla subito perché la paura non aiuta». In vista del Camp Nou, parole da non dimenticare.

APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER APPLE
APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID

© RIPRODUZIONE RISERVATA