Roma, la ricetta Ranieri: “Voglio lotta e amore”

Claudio Ranieri

NOTIZIE AS ROMA RANIERIRanieri ha fissato il suo manifesto programmatico in 5 punti: romanismo, motivazioni, ardore agonistico, mutamenti tattici e rilancio delle individualità. “La Champions è vicina, saranno importantissime le prossime due partite. Ma sarà importante anche il pubblico – ha detto il tecnico in conferenza stampa ieri -. Questi ragazzi sono in difficoltà, vogliono sentirsi amati. Ai tifosi chiedo questo: sono sincero, da solo non ce la faccio, con il loro aiuto mi sento più sicuro. Da tifoso romanista chiedo aiuto a me stesso”.

Quando gli chiedono dell’ingaggio, va dritto. Così: “È vero, non ho trattato. Ma ho perso di più quando sono andato via dalla Roma di quanto prenderò adesso (circa un milione, ndr ). Mi ha portato qui la maglia, non i soldi”. Poi Ranieri lancia in un paio di occasioni una parolina che sente quasi magica: motivazioni. “La cosa più importante per rialzarci sono proprio le motivazioni. I giocatori non sono bambini di 4 anni, ma uomini che devono dare il meglio. E se oggi la Roma si trova in questa situazione è perché finora non lo hanno fatto”

E poi c’è la rabbia, l’ardore, la voglia di lottare su ogni pallone. “Voglio una squadra che ari il campo, sprizzando rabbia e determinazione. L’errore ci può stare, lo accetto. Ma prima si deve morire sul campo”. Oggi si ripartirà dal 4-2-3-1, anche se poi Ranieri potrebbe cambiare, rilanciando le due punte. Di certo c’è che la difesa sarà più accorta rispetto a quella alta di Di Francesco. “Nella fase difensiva dovremo tutti rientrare velocemente. La Roma molti gol li ha presi perdendo palla, in fase di transizione. E questo non va bene, perché oltre al gol c’è anche l’errore del singolo che poi si sente in colpa e perde fiducia. Quindi voglio pochi palloni persi in fase di uscita”.

La chiusura è con il botto, quello che si aspettavano tanti romanisti. Dzeko e Schick insieme. Non oggi, ma presto sì. “Per me non possono giocare insieme, devono, è diverso. Schick ad Oporto l’ho visto entrare con rabbia e volontà. Per me è fortissimo: ha qualità, è veloce e tecnico. Se si sblocca – e sono certo che è vicino a farlo – i tifosi si innamoreranno di lui”.

(Gazzetta dello Sport)

APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER APPLE
APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID

© RIPRODUZIONE RISERVATA