Roma-Sampdoria 1-1

ULTIME NOTIZIE AS ROMA SAMPDORIA – Un’occasione persa: la Roma sembrava aver finalmente trovato la strada verso la grandezza e invece si ritrova piccola. La squadra di Mourinho vanifica la bella prestazione, con vittoria, di Bergamo, con una prova non proprio all’altezza contro una Sampdoria ordinata, seria, in controllo e mai veramente in affanno, scrive Il Messaggero.

E i punti dalla zona Champions ora sono sei e non quattro come tutti i tifosi speravano, non solo i cinquantamila infreddoliti dell’Olimpico. La Juve, forse la peggiore degli ultimi dieci anni, ora è avanti di due punti. Il Napoli, che pure perde con lo Spezia, ha sette passi in più. Opportunità sprecate. La prospettiva Champions non è buona.

Finisce uno a uno, e i rimpianti sono davvero tanti, troppi. Perché questa poteva essere davvero la partita della svolta, quella che raddrizzava definitivamente il campionato, per non viverlo nell’anonimato ma da protagonista, da candidata per un posto al sole. E invece, riemerge il peccato originale: la squadra non riesce a fare il definitivo salto di grado. Non solo per carenze tecniche, quelle stavolta c’entrano poco, ma caratteriali.

Chi si aspettava – dopo Bergamo – una Sampdoria sbranata dalla Roma, è rimasto fortemente deluso. Già il primo tempo non prometteva nulla di buono, si capiva che non era serata, che non c’era quella cattiveria vista sabato. Meglio la ripresa, con qualche occasione in più creata. Male il gioco, anche se come numero di occasioni, la squadra di Mou, forse, meritava tre punti. Ma non è andata così e i rimpianti sono lì. La Roma è apparsa scarica, prevedibile, molle, incapace di trovare un buco nel muro alzato da D’Aversa. Poche idee e confuse.

La Roma è molto abile a giocare sulle trame avversarie. Brava nell’attesa. Sa stare bassa e ripartire, quando invece è chiamata a fare gioco, fatica. Le occasioni sono poche e casuali, senza mai fare male davvero agli avversari, che si difendono a oltranza (anche con una bella dose di ostruzionismo) senza faticare troppo. Zaniolo combatte, cerca di sfondare, ma trova poca aria da respirare; Abraham si crea qualche occasione ma non la sfrutta. Poi l’inglese si fa male (alla caviglia) e addio, meno male che c’è la sosta (a gennaio si rivedrà anche Pellegrini e forse Spinazzola, più gli innesti di mercato tanto attesi…).

Mou si accorge che la squadra è piatta e prova a dare una scossa con i cambi, che inizialmente sembrano pure funzionali. Felix porta (o dovrebbe portare) velocità e imprevedibilità, da El Shaarawy e Shomurodov vuole freschezza in una fase sonnolenta della partita. Nemmeno il palo di Candreva sveglia la Roma, che continua ad organizzare incursioni di facile lettura.

Ci vuole un guizzo, una giocata fuori spartito, ci prova Zaniolo e nella stessa azione Felix, ma il giallorosso Falcone stoppa tutto. La rete di Shomurodov dopo ventisette minuti del secondo tempo sembra essere la parola amen sulla partita. Conta vincere, al di là della prestazione. Ma la serata era stregata e si è confermata tale, tanto che pochi minuti dopo arriva la rete di Gabbiadini su distrazione generale della difesa, dove brilla comunque Smalling.

L’adrenalina di Bergamo è svanita, si è passati alla camomilla, che scalda ma non eccita. E questa Roma ha bisogno di emozioni forti, di sentire il peso dell’avversario, come a Bergamo, per tirare fuori le unghie. Ma così non basta, la mentalità va ancora cambiata: battere una grande e non fare tre punti con una media della classifica ti fa tornare indietro, come nel gioco dell’oca. Sei punti dalla Champions non sono tanti ma nemmeno pochi. Si resta con la sensazione, l’ennesima, che si debba ricominciare daccapo.

FOTO: Credit by Depositphotos.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SCARICA L'APP DI ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID