Cristante, una nuova vita da mediano

325
Bryan Cristante

NOTIZIE AS ROMA CRISTANTE – L’inizio così e così, diciamo. Ci si aspettava qualcosa in più. E forse anche lui, Bryan Cristante, aveva aspettative più grandi. Ora, si dice sempre, comincia un nuovo campionato (ma perché, poi?): c’è da ripartire. Da dimenticare la Nazionale. Dimenticare e poi riconquistarla, presto. Nella Roma si sta aprendo una nuova vita, che forse somiglia a quella vecchia, quando Cristante, nel Milan, ha fatto il mediano.

Facile: una vita da mediano. Nuova. Nel 4-2-3-1, Bryan si è ritagliato quel ruolo: è andato bene in uno spezzone di derby, ancor meglio con il Viktoria Plzen nell’esordio all’Olimpico in Champions League. Mediano, non più incursore. Mediano di spinta, come si diceva una volta, perché lui spingitore lo è nell’anima. Forte dei suoi gol realizzati lo scorso anno con l’Atalanta, uno score costato caro alla Roma, che lo ha pagato (20 più dieci di bonus) più di qualsiasi italiano che abbia mai vestito la maglia giallorossa (anche se i suoi trenta milioni di euro non valgono i sessanta miliardi di Cassano).

Cristante sabato giocherà, molto probabilmente. De Rossi è acciaccato e lui ora è l’alter ego di Daniele e di Nzonzi. E poi, per le sue doti di incursore, ma qui c’è la fila, può anche andare a fare il trequartista del 4-2-3-1 al posto di Pellegrini.

L’AVVIO – Tutta un’altra storia si stava raccontando il giorno del suo arrivo: qui per fare la mezz’ala dall’alto rendimento. Pian piano la storia è cambiata. A Torino è entrato nella ripresa, con l’Atalanta ha giocato un tempo (e male), col Milan gli ultimi 22 minuti (non un granché), poi titolare con il Chievo (qui il gol, una luce che ha tagliato in due l’ombra), così come a Bologna (54 minuti senza lasciare traccia, ma non era il solo). Col Frosinone unica gara tutta in panchina (oltre a quella di Madrid in Champions).

La storia ricambia dal derby. Proprio nel momento della resurrezione, ha perso (per ora) la Nazionale. In questa sosta ha provato a cambiare marcia, lavorando, lavorando, lavorando. Di Francesco è convinto a dargli spazio sabato. Nel mondo di oggi, dove la realtà è social, Cristante appare un invisibile: non posta, non ci fa sapere che pasta mangia, né se si sta divertendo.

Non fa i complimenti ai compagni per la vittoria né rilancia twittate o instagrammate di altri. Insomma, è un po’ asocial. Ma non è un problema, anzi. L’obiettivo è ripetere la stagione vissuta a Bergamo, anche per interrompere la maledizione che colpisce gli ex atalantini: bene lì, male altrove. Arrivato come erede di Nainggolan, sta pian piano provando a essere Cristante.

(Il Messaggero – A. Angeloni)

APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER APPLE
APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID

© RIPRODUZIONE RISERVATA