Tiago Pinto

AS ROMA NEWS TIAGO PINTO – Tiago Pinto, ex general manager della Roma, ha rilasciato un’intervista a Canal 11 ed è tornato a parlare della sua avventura nel club capitolino, del rapporto con José Mourinho e dell’acquisto di Renato Sanches e non solo.

Il tuo rapporto con Mourinho?
“Sono sempre grato per le opportunità che mi vengono date nella vita, le colgo per imparare e crescere. Alla Roma ho lavorato per tre anni con Paulo Fonseca e José Mourinho. È stata un’opportunità di crescita, di sviluppo personale e professionale. Sono stati tre anni molto impegnativi per me, ma sono cresciuto molto. Ho sicuramente commesso molti errori, ma allo stesso tempo ho azzeccato molte scelte. A 39 anni ho già avuto l’opportunità di lavorare con grandi allenatori come Bruno Lage, Rui Vitória e Jorge Jesus. Ho imparato qualcosa da tutti loro e mi hanno fatto crescere. Se sono ferito dalle critiche di Mourinho? Per me la vita passa in fretta e devo pensare a me stesso, questo non lo cambierà mai nessuno”.

L’addio alla Roma?
“Se si guardano gli ultimi 15 o 20 anni solo un direttore sportivo è rimasto più a lungo di me. È un club esigente, che non favorisce la stabilità dei dirigenti e degli allenatori. Sono molto grato per l’opportunità che ho avuto, credo che abbiamo fatto un buon lavoro, ma sapevo che il mio futuro sarebbe stato in altri club e campionati. In questo senso, mi sentivo davvero esausto. La Roma aveva bisogno di qualcuno con la stessa energia e motivazione che avevo quando sono arrivato. Ho sentito che era arrivato il momento di andarmene”.

Renato Sanches?
“Nella prossima tappa della sua carriera dovrà cercare l’affetto. Quando uno ha quei problemi fisici perde fiducia in te stesso, ma lui ha molta qualità. La cosa più importante per lui è trovare il progetto giusto e le persone giuste, ha molto da dare al calcio. Vengo criticato molto per averlo preso alla Roma: le cose non sono andate bene, ma il mio affetto e le mie aspettative su di lui rimangono alte”.

Sei stato molto vicino all’acquisto di Marcos Leonardo.
“Eravamo molto vicini a ingaggiare Marcos Leonardo, ma il Santos ha avuto molti problemi societari, ha cambiato direttore sportivo e allenatore e ha iniziato a rendersi conto che sarebbe potuto retrocedere in Serie B. Marcos Leonardo mi piace molto, è un giocatore con una grande capacità di segnare ed è molto bravo tecnicamente. Ha due caratteristiche molto importanti, ovvero segna molto e lo fa anche nei big match e nei momenti più importanti delle partite. Ha calciato anche dei rigori all’ultimo minuto e quando lo fai a 17 o 18 anni è perché hai un coraggio enorme”.



FOTO: Credit by Depositphotos.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LEGGI TUTTOCALCIOWEB.INFO

🚨SEGUICI IN DIRETTA🚨