“Non esiste alcun trauma Italia”. Parola di Joachim Loew, ct della nazionale tedesca che l’Italia affrontera’ sabato nei quarti di finale dell’Europeo di Francia. Nelle grandi manifestazioni gli azzurri si sono rivelati una bestia nera per i tedeschi battuti in Messico nel 1970, nella semifinale dell’Europeo del 2012, ed in quella del mondiale del 2006 che la Germania ospitava. Ora, per Loew, e’ arrivato il momento della rivincita: “Abbiamo fiducia nelle nostre capacita’. Non abbiamo paura dell’Italia. Nel 2012 eravamo ancora inesperti. Io volevo ingabbiare Pirlo ma, con il senno di poi, il piano non ha funzionato e me ne assumo la responsabilita’. Quella sconfitta ha aiutato la mia crescita personale anche per il Mondiale del 2014 che abbiamo vinto”.

Loew fa la radiografia dell’Italia: “Non e’ quella che siamo abituati a vedere, focalizzata sull’aspetto difensivo anche se chiudono bene gli spazi. Tanto che perfino la Spagna ha avuto difficolta’ con gli inserimenti”. Sara’ una gara dura. “Assolutamente si’. A me piace molto De Rossi. E’ un giocatore intelligente, che da’ equilibrio. Ma psicologicamente sono tutti forti. Dovremo evitare di concedere loro il contropiede”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA