Connect with us

Rassegna stampa

Roma, sofferenza e rimpianto. Il Lecce crea tanto, Aouar spreca

Published

on

AS ROMA NEWS LECCE – La rincorsa Champions della Roma subisce una frenata improvvisa a Lecce. Il bilancio di De Rossi resta ampiamente positivo – 23 punti nelle 10 partite sotto la sua gestione – ma il ritardo da colmare non ammette pause, e forse mai finora i giallorossi erano stati così in difficoltà – e soprattutto così poco efficaci nella gestione della palla – come al Via del Mare, scrive La Gazzetta dello Sport.

Luca Gotti debutta in casa dopo il successo di Salerno e la pausa, e per la seconda volta tiene la porta inviolata: i salentini non ci erano più abituati. Il pareggio è addirittura stretto in considerazione del volume di occasioni create, ma il Lecce fa un passettino avanti sulla via della salvezza e uno gigante nella convinzione ritrovata. 

Senza lo squalificato Pellegrini e con Dybala con non più di 15’ nelle gambe, De Rossi punta sui giovani Baldanzi e Bove, ai quali aggiunge anche Zalewski alto a sinistra, convinto che l’impianto regga grazie alle conoscenze acquisite dalla squadra. E un guizzo di Baldanzi in avvio – sinistro di poco a lato in accentramento – è promettente. Il problema è che la “fanteria leggera” avanzata invece si sfalda presto sotto la pressione del Lecce.

Gotti affolla la metà campo avversaria, sporca le linee di passaggio con cui di solito la Roma risale e manda i suoi in aggressione forte sull’uomo. Il Lecce non era in disarmo con D’Aversa e il nuovo tecnico ha mantenuto l’atteggiamento di pressione alta, però ha aggiunto un paio di intuizioni valide, come l’accoppiata Gallo-Dorgu a sinistra – spinta doppia da quella parte, Karsdorp va in difficoltà anche perché Baldanzi non ha fisico e attitudine in copertura – e Piccoli trequartista ma di fatto centravanti aggiunto che ha creato con Krstovic una prima linea di sfondamento. 

La Roma non riesce a uscire in modo pulito, il Lecce costruisce un’occasione dietro l’altra, con Krstovic che rifinisce e Piccoli che spreca almeno tre volte, più un’altra in cui l’ex atalantino fa da sé beffando Ndicka, poi se ne aggiunge una di Dorgu fermato da Svilar.

Advertisement

Gli unici segnali giallorossi arrivano in chiusura di tempo, quando DDR inverte le posizioni di Cristante e Bove: un invito di Baldanzi che Zalewski sul secondo palo intercetta male in acrobazia e un palo esterno di Angelino su punizione. De Rossi invece ricorre a El Shaarawy e Aouar, che costruiscono, grazie al tacco del Faraone su verticalizzazione di Cristante, l’unica vera occasione pulita, che il francese sbatte sul corpo di Falcone.

La Roma meriterebbe forse un rigore – da angolo, Zalewski travolto da Falcone e Blin – ma si espone anche tanto, soprattutto dopo che Gotti mette le frecce Banda e Sansone.

FOTO: Credit by Depositphotos.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LEGGI TUTTOCALCIOWEB.INFO

🚨SEGUICI IN DIRETTA🚨



Studio Legale Marinelli & Partners

Copyright © 2008 - 2024 | Roma Giallorossa | Testata Giornalistica | Registrazione Tribunale di Roma n. 328/2009
Editore e direttore responsabile: Marco Violi
Direttore editoriale e Ufficio Stampa: Maria Paola Violi
Contatti: info@romagiallorossa.it