Un tifo senza se e senza ma. Poi ognuno si assuma le responsabilità sul futuro

198
CONDIVIDI
Mauro Baldissoni, Monchi e James Pallotta

NOTIZIE AS ROMA CHAMPIONS – Primum, vivere. E dunque ottenere a Mosca, domani, il via livera al passaggio del turno in Champions League. Per 90 minuti il popolo romanista deve stringersi alla squadra, deve battere i denti come se fosse su quegli spalti con gli zero gradi previsti e anche da casa deve far sentire tutto il proprio amore. Deinde, philophari. Ovvero, poi bisognerà tornare a ragionare su cosa sta succedendo ad una squadra tristemente nona in classifica. È ormai inutile cercare le colpe – un mercato non in linea con le esigenze dell’allenatore, un allenatore non in grado di cambiare marcia, il calo evidente nelle prestazioni dei big -, è tempo di soluzioni. Sta a chi comanda assumersi per intero la responsabilità. Senza alibi.

(Corriere della Sera – P. Di Caro)

APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER APPLE
APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID

© RIPRODUZIONE RISERVATA