Home Rassegna stampa Stadio Roma, gli ambientalisti: “Diluvio di cemento, speculano sulla passione sportiva”

Stadio Roma, gli ambientalisti: “Diluvio di cemento, speculano sulla passione sportiva”

13
0
CONDIVIDI

«Tor di Valle è un progetto pensato speculando sulla passione sportiva e che produrrebbe solo un diluvio di cemento». Ventiquattr’ore dopo il vertice in Campidoglio sul nuovo stadio della Roma, Legambiente ha organizzato un sit-in davanti all’ex ippodromo di Tor di Valle per protestare contro la controversa operazione calcistico-immobiliare. «Sarà il più grande diluvio di cemento su Roma per i prossimi anni ma anche dei decenni passati», ha detto Roberto Sacchi, presidente di Legambiente Lazio. Lo stadio e il gigantesco complesso di uffici e negozi che ci nascerebbe accanto, «svilupperebbe 1.196.800 metri cubi di cemento, un diluvio assolutamente fuori dalle regole del piano regolatore – ha aggiunto Sacchi – Era previsto l’allungamento della metropolitana, il potenziamento della Roma-Lido, ma ora non si prevede più niente di tutto questo»

«COME 100 PALAZZI» – Durante la protesta nell’area (a rischio inondazione) scelta dai privati per l’operazione stadio, l’organizzazione ha spiegato che «i nuovi edifici corrisponderanno a 25 torri di Tor Bella Monaca, 9 volte la nuova Stazione Tiburtina o l’hotel Hilton di Monte Mario ma anche quanto 100 palazzi di 6 piani. L’eventuale riduzione del 25% delle cubature della quale si parla, tutta da verificare, dai dati esposti sarebbe comunque un diluvio di cemento».

(Il Messaggero)

APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER APPLE

APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here