La scelta di DiFra: Fazio o Marcano con Manolas

304
CONDIVIDI
Ivan Marcano

NOTIZIE AS ROMA MARCANO – Tutti a pranzo insieme, perché in questi momenti condividere è meglio che prevedere. Ed allora Di Francesco così aveva deciso e così è successo, con l’intera squadra che si è ritrovata ieri verso le ore 12 a Trigoria, per poi riposare e procedere con il primo allenamento post-tournée nel tardo pomeriggio. Nel tardo pomeriggio di ieri tutta la squadra si è recata in campo. Ed è stata una seduta importante, non fosse altro perché finalmente si è riaggregato al gruppo anche il turco Cengiz Under, l’esterno destro che aveva riportato un problema alla spalla sinistra durante il secondo tempo della partita con il Tottenham. A parte, invece, hanno lavorato i due Pellegrini, Luca e Lorenzo, entrambi alle prese con dei problemini muscolari. Per loro programmato lavoro differenziato anche oggi, poi probabilmente si riaggregheranno al gruppo tra le giornate di lunedì e martedì.

Tra le tante cose che Eusebio Di Francesco deve verificare in questa settimana c’è anche quella della coppia centrale di difesa. Nel senso che, allo stato attuale, Kostas Manolas sembra intoccabile per importanza, spessore e collocazione. Così il tecnico giallorosso dovrà decidere chi mettergli al fianco tra Fazio e Marcano. All’allenatore abruzzese Marcano piace e anche molto. Per personalità, qualità nell’impostazione e capacità difensive. Tra l’altro, anche Marcano conosce molto bene Manolas, avendoci già giocato insieme per 6 mesi in Grecia, all’Olympiacos, chiudendo anche la stagione con la vittoria del campionato. E non è un caso che il difensore spagnolo in questo precampionato sia stato il giocatore più utilizzato in assoluto da Di Francesco, con oltre 300 minuti totali, chiamato in causa dal via in 4 occasioni su 5. Insomma, il dubbio resta e Di Francesco lo scioglierà probabilmente solo a ridosso della trasferta di Torino. Con Manolas certo del posto.

(Gazzetta dello Sport)

APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER APPLE
APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID

© RIPRODUZIONE RISERVATA