Nainggolan si accende: “Rispetto, ma siamo forti”

90
CONDIVIDI
Radja Nainggolan

(Gazzetta dello Sport – C. Zucchelli) Mentre in Belgio c’è una sorta di sollevazione popolare da parte di media e soprattutto tifosi per convincere il commissario tecnico Martinez a convocare di nuovo Radja Nainggolan, lui prima si diverte con i complimenti (per modo di dire…) di El Shaarawy sul suo nuovo look a base di treccine, poi racconta come sta vivendo l’attesa per la partita con il Napoli: «Sono sereno, io in genere ci penso davvero solo il giorno della gara. Comunque spero che ci sarà uno stadio pieno, perché questa è una partita molto bella anche per un tifoso neutrale. Il Napoli – aggiunge il belga a Roma Tv –­ gioca un buon calcio: noi dobbiamo rispettare l’avversario ma anche essere consapevoli della nostra forza. Sappiamo di potercela fare».

INIZIATIVA – Nainggolan si concede ai microfoni della televisione di casa al termine di un incontro con gli studenti di una scuola media incontrati nell’ambito del progetto, che la Roma porta avanti da qualche anno «A scuola di tifo». Felice il centrocampista: «È una bella iniziativa, ho visto tante facce felici. È importante insegnare il rispetto e il fair play anche nelle scuole, poi è ovvio che dentro il campo in una gara c’è sempre una rivalità sportiva. Bisogna giocare in modo pulito con una sana cattiveria agonistica».

APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER APPLE
APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID

© RIPRODUZIONE RISERVATA