In 50mila per lo Shakhtar. Difra: “Non conta il numero ma il calore dei tifosi”

163
CONDIVIDI

(La Repubblica – F. Ferrazza) Sfioreranno al massimo i cinquantamila gli spettatori che accompagneranno la Roma contro lo Shakhtar (ore 20,45), previsione legata all’affluenza registrata al botteghino nella giornata di ieri (si è superata quota 45mila). Di Francesco, dopo aver fatto vari appelli nei giorni scorsi, precisa: «Il mio richiamo non è volto ad avere tanta gente, ma alla qualità della gente». E ancora: «A prescindere da quante presenze saranno, è importane la percezione che si ha all’interno dello stadio, di quanto ci stanno vicini anche nei momenti di difficoltà che conta. È importante che anche al primo passaggio sbagliato ci sia solo il pensiero di applaudire e aiutare i calciatori. Poi sono consapevole che anche noi dobbiamo esser bravi a trascinare il più possibile con le nostre prestazioni la gente, per avvicinare allo stadio le famiglie».

La voglia di raggiungere i quarti di finale di Champions è l’unico pensiero su cui si concentra Florenzi: «Quella con lo Shakhtar è una partita molto importante per noi — spiega il terzino — e per la Roma, visto che sarebbe la quarta volta nella storia del club che si arriva ai quarti. Dovremo gestire le nostre forze durante tutta la partita». I cancelli dell’Olimpico stasera apriranno alle 18 per evitare assembramenti fuori lo stadio e contatti tra le due tifoserie. I sostenitori ucraini saranno circa 700 — dei quali 150 considerati a rischio dalle forze dell’ordine ucraine — e verranno conglobati al punto di raccolta di piazzale delle Canestre, alle ore 16, per una macchina della sicurezza che è partita ieri sera e si fermerà solamente questa notte. Circa 700 gli steward che la Roma impegnerà per gestire la serata dell’Olimpico.

APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER APPLE
APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID

© RIPRODUZIONE RISERVATA