Florenzi: “Sfida cruciale. Il mio futuro? Non ne parlo”

137
CONDIVIDI
Alessandro Florenzi

(Il Tempo) «Sarà importante gestire le forze nell’arco dei 90 minuti ma dobbiamo cercare di giocare il nostro calcio che va a mille all’ora. Dobbiamo dare subito un impulso importante». Alessandro Florenzi è determinato nell’avvicinarsi a Roma-Shakhtar Donetsk, una gara che vale tantissimo anche per lui, mai arrivato a giocare i quarti di Champions in carriera. «Se la sblocchiamo non dobbiamo pensare di avercela fatta, ma dobbiamo continuare per tutta la partita – spiega nella conferenza stampa della vigilia il jolly capitolino, che domenica ha compiuto 27 anni – è sicuramente una sfida importante, che può valere tanto per noi ragazzi e tanto per la Roma. Sarebbe la nostra quarta volta in un quarto di finale, vogliamo approcciare bene e fare del nostro meglio». Nel rendimento interno della Roma tra campionato e Champions emerge una differenza: «La voglia che abbiamo è quella di ripetere le partite interne giocate in Champions. Ci è mancato qualcosa in campionato ma l’ultima gara con il Torino è stata buona. Vogliamo prenderci la qualificazione ma dobbiamo fare attenzione anche alle loro qualità».

A poche ora da un match decisivo per la stagione dell’undici di Di Francesco, Florenzi prefefisce non affrontare l’argomento del suo rinnovo contrattuale: «Penso non sia la sede adatta per parlare di rinnovo in questo momento. Sono abituato a pensare al presente, che per me è la partita di domani. È una partita importante che posso giocare e l’unica cosa che posso fare è dare il 100%. Sappiamo quanto valga, per noi e per i tifosi».

APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER APPLE
APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID

© RIPRODUZIONE RISERVATA