Mexes: “Lascio il calcio, non mi sento all’altezza”

66
CONDIVIDI
Philippe Mexes

Philippe Mexes si racconta in un’intervista a France Football a un anno dalla fine della sua avventura con il Milan e con il calcio giocato.

“Sono tornato a una vita reale, senza avvertire nessuno. Non sono Zidane, Totti o Thuram. Quel che voglio è essere come tutti. Faccio il papà, porto a scuola i miei figli, a calcio, faccio i compiti con loro. Ho voluto uscire e farli uscire da una dimensione fittizia. Prima non li vedevo mai, e non era bene. Ho voluto rimettere ordine”.

L’ex difensore della Roma spiega cosa lo ha spinto ad appendere le scarpette al chiodo: “Non mi sentivo più all’altezza, avevo dolori al ginocchio e ho deciso di chiudere. Non avrei potuto mentire, anche se magari avrei potuto giocare altri due anni a buoni livelli. Ma non mi va di prendere in giro la gente, così ho messo la freccia e mi sono fatto da parte. Mi sarebbe piaciuto chiudere all’Auxerre ma non è stato possibile”.

Nel futuro di Mexes ci sarà ancora il pallone? “E’ una passione, ma non un’ossessione. Il calcio lo seguo dal divano, o con le partitelle dei miei figli. Poi un giorno magari cercherò di restituire ai giovani quel che il calcio mi ha dato. Senza fretta”.

APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER APPLE
APP ROMAGIALLOROSSA.IT PER ANDROID

© RIPRODUZIONE RISERVATA